Caricamento in corso...
Microsoft

Cortana adesso genera i promemoria dalle email

Cortana sta per avere un paio di interessanti frecce al suo arco: Microsoft sta rilasciando la capacità di inviare promemoria agli utenti in base alle loro email. Gli utenti del programma Windows Insider potranno trovare la funzione per primi; seguiranno in futuro tutti gli utenti di Windows 10.

Quindi, se siete il tipo di persona che è così occupata con il lavoro che si dimentica di acquistare i biglietti del cinema allora Cortana potrà intervenire e contribuire a salvare il vostro matrimonio, ricordandovi digitalmente che c’è di più nella vita che rispondere alle mail di lavoro.

Può anche fare lo stesso per impegni di lavoro specifici, creando promemoria basati sulla formulazione delle vostre e-mail; quindi se spesso scrivete al vostro capo per dire che consegnerete questo e questo un giorno e l’altro, ma subito dimenticate di aggiungelo al calendario, l’assistente Microsoft potrà aiutarvi con una scansione dei messaggi di posta elettronica alla ricerca di frasi chiave e si offrirà di creare promemoria per le cose che avete promesso di fare.

microsoft-cortana-aggiornamenti-informatblog

Microsoft chiama questa nuova funzionalità “impegni“, e dice che è stata sviluppata in collaborazione con la sua divisione Microsoft Research. L’enfasi, come con tutte queste tecnologie di assistente digitale, è la proattività, anche se c’è sempre un equilibrio da tirare fuori quando si tratta di generare promemoria tempestivi utili, ma farlo in modo blando e senza problemi (e che eviti di essere raccapricciante).

Se non vi piace l’idea che Cortana scansioni le vostre e-mail – o di un assistente robotico che viene fuori con ‘Devo creare un promemoria per questo?’, potrete almeno disattivarlo. Le scansioni vengono anche apparentemente effettuate a livello locale, secondo Marcus Ash di Microsoft, con i dettagli della notifica inviati ai server di Microsoft solo dopo che si accetta la creazione di un promemoria.

Un’altra nuova caratteristica di questo aggiornamento di Cortana è l’aumento della sensibilità per le routine di calendario di un utente, il che significa che la tecnologia è in grado di analizzare quando una persona preferisce avere incontri e segnalare eventuali richieste al di fuori delle usuali fasce orarie. Cortana ha iniziato la sua vita su smartphone Windows Phone come un assistente vocale che mira a rivaleggiare con Apple Siri, Google Now e il resto. Ma con il progetto mobile di Microsoft così in fase di stallo in termini di quota di mercato, Cortana è stato ampliato lo scorso anno per diventare l’assistente vocale digitale su Windows 10.

Microsoft ha mostrato l’integrazione nel mese di gennaio 2015, rilasciandolo via via poco dopo. L’anno scorso lo ha anche esteso a Android e iOS, inseguendo la maggior parte degli utenti di smartphone. Ha detto oggi che intende mantenere in evoluzione la tecnologia per “continuare a perfezionare l’intelligenza di Cortana e aggiungere nuove funzionalità”. Se non può dominare il mondo mobile, Microsoft almeno vuole guadagnare indispensabilità come app (e l’ampia portata di Windows dà la possibilità di familiarizzare con quello Cortana può fare agli utenti di altre piattaforme mobili).

Ma ci sono molti altri giganti tecnologici in lizza per lo stesso trofeo. Uno di questi – Facebook – sta anche studiando un sistema ibrido umano/intelligenza artificiale per risolvere problema. Quindi Cortana non dovrà riposare sugli allori. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Loading...
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti