AndroidiOS

Riuscirà CyanogenMod a sfidare iPhone e Android?

Cyanogen, la società dietro CyanogenMod, ha iniziato in piccolo, come gruppo di sviluppatori che volevano produrre un’alternativa di alta qualità al firmware Android. Oggi è diventata una grande alternativa ad Android, ma le sue ambizioni ora vanno così in alto da voler superare Apple e Google.

Il CEO della società, Kirt McMaster, ha criticato iOS e Android per essere semplici “gusci” per i servizi di Google e Apple. In aggiunta, McMaster si è lamentato del fatto che Google richiede alle aziende produttrici di accettare Gmail, YouTube, Google Play Store e altri servizi come un unico pacchetto per utilizzare Android. Infatti, McMaster si è spinto a dichiarare che “Vorremmo separare Google da Android“. Buona fortuna, Cyanogen.

Il piano di McMaster per fare ciò, ha detto in una recente conferenza su Android, è quello di creare “una versione di Android più aperta in modo da poterla integrare con più partner in modo che i loro servizi siano di primo livello, così che le start-up che lavorano su intelligenza artificiale o altri problemi non si bloccano perchè le loro stupide app inevitabilmente verranno acquisite da Google o Apple. Queste aziende possono prosperare sulla versione di Android non-Google”.

cyanogenmod-ios-android-informatblog

Cyanogen ha una lunga storia di fastidi con Google per il controllo dello stack software Android. Nel 2009, il fondatore di Cyanogen, Steve Kondik, fu costretto a fare marcia indietro dai suoi piani di includere i servizi di Google alle sue condizioni in una prima versione di CyanogenMod.

Ma oggi gli investitori di Cyanogen vogliono portare CyanogenMod dall’essere semplicemente il migliore firmware Android, con sette-otto modi di possibile reddito, ad un importante sistema operativo mobile con un valore nell’ordine dei milioni di euro. Ma sarà difficile.

Quello che rende i piani di Cyanogen plausibili è che Amazon e Microsoft sembrano essere alla ricerca di investimenti in Cyanogen per aiutare a creare un software Android che non è sotto il controllo di Google. Ma, onestamente, anche se Amazon e Microsoft sostenessero Cyanogen cosa significherebbe davvero per Google? Entrambe le società hanno provato, e fallito, a produrre uno smartphone popolare. Lo smartphone Fire Phone di Amazon ha perso circa 170 milioni di dollari.

Per quanto riguarda Cyanogen, i suoi sforzi noti per stipulare contratti con i fornitori di telefonia l’hanno portata ad accordi con la società indiana Micromax e con la cinese Shenzhen Technology OnePlus, bloccati in una causa nei tribunali indiani. Anche McMaster si è fatto terra bruciata quando ha dichiarato che “Samsung non potrebbe costruire un buon sistema operativo”. Dal momento che Samsung è il primo venditore di telefoni Android al mondo e l’ex datore di lavoro di Kondik, non sembra un buon modo per chiudere accordi con partner commerciali influenti.

Ultimo, ma non meno importante, numerose aziende cercano di prendere una parte della quota di mercato di Apple e Google costruendo un sistema operativo mobile lodevole. Tra queste ci sono Mozilla, con Firefox OS; Canonical, con Ubuntu Touch; Samsung, con Tizen; e così via. Ma nessuno di questi prodotti ha mai scalfito il mercato. Solo Microsoft con Windows Phone ha ottenuto il 2% del mercato mobile. Non è abbastanza. Anche i fan di Windows Phone, data la mancanza di supporto per la piattaforma, hanno rinunciato a Windows Phone. Anche le aziende più importanti, tra cui Chase e Bank of America, non stanno più sostenendo Windows Phone.

Quindi, se nessuna di queste aziende hanno riuscito a rompere il predominio di Apple e Google perché dovrebbe riuscirci Cyanogen? CyanogenMod è un buon prodotto, ma alla fine è solo un firmware Android alternativo e la società non ha dimostrato il possibile successo nel collaborare con importanti compagnie telefoniche o produttori di smartphone.

No, Cyanogen potrebbe voler giocare con i grandi, ma anche se la società ha ottenuto il supporto di Amazon e Microsoft, non pensiamo che riuscirà nel suo intento di superare Apple o Google.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti