Gossip e frivolezze

Dipendente Nintendo licenziato per un Podcast

Un dipendente Nintendo è stato licenziato per essere apparso su un podcast e aver dato opinioni oneste sugli sforzi della sua azienda per portare titoli stranieri in Occidente.

Polygin riporta che il traduttore Nintendo e dipendente Treehouse Chris Pranger è stato licenziato dalla società dopo essere comparso sul podcast Part-Time Gamers. Treehouse è spesso usata per localizzare i giochi giapponesi della società per il mercato nordamericano e per la gestione delle traduzioni inglesi, francese e spagnole di giochi che hanno una alta quantità di audio e testo giapponese rispetto ai soliti titoli Nintendo. Pranger ha rivelato su Twitter di essere stato licenziato per essere apparso sul podcast e per le osservazioni che ha fatto lì sopra. Nell’intervista, Pranger ha commentato le opinioni critiche dei fan su quello che Nintendo porta o meno all’estero.

impiegato-nintendo-licenziato-informatblog

“E’ un po’ come, ‘Sì, vogliamo i soldi, ed è per questo che sappiamo che è uno spreco colossale localizzare in questo mercato attuale perché guardarvi, non siete un gruppo abbastanza grande,'” ha detto Pranger sul podcast. “Guardate anche Xenoblade Chronicles. La gente ama questo gioco, si sa, ma all’interno di un determinato gruppo. Questo gioco non è il tipo di gioco che tira le masse per giustificare i suoi costi. L’abbiamo portato negli Stati Uniti per fortuna, perchè Nintendo ha deciso: ‘Oh, faremo localizzare questo.‘ ”

“E la gente è come ‘Perché voi ragazzi odiate i soldi?’ Noi non lo facciamo. Ecco perché letteralmente non si può fare tutto. E alla gente non piace scoprire che i fan sono in realtà troppo pochi per giustificare i costi della cosa che vogliono”.

Pranger ha anche ricordato come gli appassionati dei giochi di combattimento sono stati sconvolti dal fatto che Super Smash Bros. è stato orientato verso giocatori più casual. Ha spiegato che sono semplicemente un gruppo di nicchia che non rappresentano il pubblico globale di Nintendo per essere considerati come sviluppare un gioco così ampiamente popolare.

Parlando di Uncharted 4, Pranger detto che non deve “dire cose belle sui nostri concorrenti”, suggerendo che Nintendo ha una sorta di linee guida in vigore per evitare i temi di Sony e Microsoft tantomeno lodarli apertamente. Nel frattempo, Phil Spencer ha apertamente lodato sia Nintendo che Sony per le loro iniziative sul palco dell’E3 mentre milioni di persone stavano guardando.

tweet-informatblog

I commenti di Pranger su Nintendo non erano poi così male, ma certamente non erano come sarebbero piaciuti a Nintendo. Ci sono statni molti dipendenti Xbox e PlayStation più franchi sulle loro aziende rispetto a ciò che Pranger ha detto, ed è un peccato che abbia perso il lavoro per essere stato onesto. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti