FacebookGossip e frivolezze

Donna cambia nome: da oggi si chiama come il suo pseudonimo su Facebook

Pensavate che dimenticare le vostre password possa essere una seccatura. Ma potreste voler cambiare il vostro nome perchè siete una spia, o per eludere la legge. Ma se volete cambiare il vostro nome per Facebook? Jemma Rogers l’ha fatto. La donna, terapeuta olistica di Lewisham, a sud-est di Londra, ha cambiato il suo nome in favore del suo pseudonimo di Facebook, Jemmaroid Von Laalaa, dopo che è stata bloccata dal suo account, secondo il Telegraph.

La trentenne creò il suo profilo nel 2008 sotto falso nome per evitare richieste di amicizia indesiderate. Ma quando Facebook ha chiesto un documento di identità per sbloccare il suo account il mese scorso, la Rogers è stata bloccata. L’account potrebbe rimanere bloccato se l’identificazione non andrà a buon fine.

nome-facebook-informatblog

Jemma Rogers ha scritto a Facebook per spiegare la situazione, pregandolo di riattivare l’account. Ha anche cercato di ritoccare con Photoshop una carta di credito. Ma niente ha funzionato. Così la Rogers ha fatto qualcosa di drastico: ha cambiato il suo nome con un atto unilaterale e ha ordinato una nuova patente e nuove carte di credito.

“So che sono stata una completa deficiente, ma a Facebook sono ridicoli“, ha detto la Rogers. “Dovrebbero essere in grado di dire che è un vero e proprio account solo con un nome falso, non posso credere che sono stata punita in questo modo”.

Purtroppo, i suoi nuovi documenti non sono stati la chiave per sbloccare il suo account. Dal momento dell’invio a Facebook, la Rogers ha ricevuto solo risposte automatiche che promettono di “esaminare” la situazione con la massima attenzione.

“Sono bloccata dal mio account da cinque settimane ora e ho perso tutte le mie foto, messaggi e ricordi preziosi”, ha detto Jemma Rogers. Ha perso anche il suo nome, di questo forse ancora non se ne è resa conto. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti