Caricamento in corso...
Samsung

Dove sono finiti i telefoni pieghevoli di Samsung?

Rallegratevi, appassionati di tecnologia, perché stiamo forse per vedere il cambiamento più significativo mai avuto nelle forme degli smartphone. Quel cambiamento probabilmente avverrà da Samsung, e sarà reso possibile dall’uso della tecnologia OLED di Universal Display Corporation. Più in particolare, gli analisti hanno previsto che il gigante dell’elettronica coreano lancerà un nuovo smartphone con un display OLED pieghevole nella seconda metà del 2016.

Ma è possibile che avremo il nostro primo assaggio di questo nuovo smartphone pieghevole molto prima. Prima di eccitarsi troppo, non abbiamo già sentito questa storia? Ad un evento di più di un anno fa – nel novembre 2014 – Lee Chang-hoon di Samsung rivelò i piani “per fornire ai consumatori un prodotto con un display flessibile entro la fine del 2015.”

samsung-display-pieghevole-informatblog

Ad essere onesti, il dirigente avvertì anche che non era stata presa alcuna decisione in merito ad un prodotto finito. Ma gli investitori e gli appassionati di tecnologia avevano motivo di essere soddisfatti: ben 10 mesi prima, Samsung presentò i primi prototipi di uno smartphone OLED pieghevole ai partecipanti VIP al CES 2014. E prima ancora, al CES 2013, Samsung introdusse la sua linea Youm di display flessibili, rivelando diversi concetti interessanti in un video promozionale:

I consumatori non sono solo attratti dall’estetica e dalla tecnologia OLED pieghevole. Poichè i pixel OLED emettono luce propria e non richiedono una retroilluminazione, i display OLED possono diventare incredibilmente sottili, praticamente indistruttibili, e sono dotati di una luminosità superiore, colori più vividi, e rapporti di contrasto quasi infiniti. Allora perché dovremmo credere alle voci di dispositivi OLED pieghevoli questa volta?

Prima di tutto, il momento è quello giusto. Anche se i dirigenti di Samsung promisero una data di fine 2015 poco più di un anno fa, non rimarremo affatto sorpresi di un lieve ritardo per introdurre un dispositivo pieghevole a fianco del Galaxy S7 e S7 Edge al prossimo evento Samsung Unpacked 2016. Considerando che il Galaxy S6 Edge (che dispone di un display OLED curvo) fu rivelato al Samsung Unpacked 2015 lo scorso agosto, questo potrebbe aggiungere qualche novità necessaria per quello che alcuni consumatori potrebbero altrimenti vedere come un esercizio banale di aggiornamenti incrementali.

Ma c’è di più: Samsung vuole senza dubbio mantenere il suo vantaggio tecnologico rispetto ad Apple, tanto più che proprio la transizione del gigante tecnologico di Cupertino alla tecnologia OLED sembra inevitabile ogni giorno che passa. Se non fosse stato abbastanza aver sentito Sid Rosenblatt di Universal Display affermare che un OLED iPhone è “solo questione di tempo” lo scorso novembre, nelle ultime settimane ci sono state diverse segnalazioni di imminenti investimenti di Apple nella tecnologia OLED, tramite i fornitori di Apple AU Optronics, Japan Display, e persino LG Display, che realizza dispositivi OLED curvi.

Lo scorso aprile, Samsung stessa formò una squadra di 200 persone per concentrarsi esclusivamente sul creare display per Apple, lo stesso giorno in cui formalmente divise la sua unità Display nelle divisioni LCD e OLED. Con un posto in prima fila per i piani di Apple, avrebbe senso che Samsung vorrebbe rimanere all’avanguardia della tecnologia OLED nella quale si batte già da anni.

Ma se le prime fasi degli investimenti non danno alcuna indicazione, Apple non avrà la capacità necessaria di convertire completamente la sua linea di iPhone ai display OLED almeno fino al 2017. Questo, a sua volta, dà a Samsung la flessibilità necessaria per dare interesse verso i dispositivi OLED pieghevoli già nel 2016, per poi lanciare formalmente il suo dispositivo OLED pieghevole quando sarà in grado di aumentarne la produzione entro la fine dell’anno.

Per essere sicuri, secondo il CEO di Universal Display Corporation Steve Abramson, Samsung vede in primo luogo gli OLED flessibili come un “motore di crescita a medio e lungo termine” in questa fase. Quando gli fu chiesto di citare le più grandi potenziali influenze sul rialzo o al ribasso di Universal Display per il 2016, Abramson individuò i tempi incerti sia per gli “investimenti flessibili” di Samsung che per la linea di produzione dei suoi OLED flessibili A3 di sesta generazione.

A lungo termine, tuttavia, ciò che rimane chiaro è che la tecnologia OLED continua a permeare il paesaggio dell’elettronica. Per gli investitori in grado di acquistare subito e aspettare pazientemente l’evoluzione di questa nuova generazione di dispositivi, le ricompense finanziarie potrebbero essere sconcertanti. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Loading...
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti