InternetiPhone

Edward Snowden: l’iPhone consente ai governi di spiarvi

Edward Snowden, l’ex lavoratore della National Security Agency, non utilizzerà un iPhone di Apple, perché dice che il telefono è dotato di un “software speciale” che può essere attivabile da remoto, permettendo ai governi di spiare l’utente.

“Edward non usa mai un iPhone, lui ha un telefono molto semplice”, ha detto Anatoly Kucherena, avvocato di Snowden, in un’intervista con RIA Novosti, una media company russa come riportato da Tech Times.

Kucherena ha affermato che l'”iPhone ha un software speciale che può attivarsi senza che il proprietario prema un pulsante, e raccoglie informazioni su di lui. E’ per questo che per motivi di sicurezza Edward Snowden ha rifiutato di avere questo telefono”.

edward-snowden-informatblog

Non è chiaro se Snowden, fuggito dagli Stati Uniti ed è finito in Russia dopo aver lasciato trapelare documenti di intelligence sensibili della NSA, crede che le agenzie di intelligence abbiano un modo di compromettere il sistema operativo di iPhone, o se il software proviene da strumenti diagnostici standard.

Apple ha smentito di aver partecipato al progetto di data mining PRISM della NSA, dopo le accuse che le sono state rivolte quando Snowden rilasciò i documenti della NSA che affermavano che i suoi dispositivi erano vulnerabili a spionaggio.

I documenti trapelati hanno rivelato che la NSA gestisce un programma di sorveglianza di iPhone che consente ai funzionari di spiare gli utenti attraverso praticamente qualsiasi comunicazione inviata o ricevuta con un prodotto Apple.

Il progetto PRISM ha a che fare con raccolta di materiali tra cui audio, video, immagini, documenti, messaggi di posta elettronica, e log di connessione da dispositivi mobili, ciò ha permesso agli analisti di monitorare movimenti e comunicazioni degli utenti del dispositivo.

Apple ha detto che non permette alle agenzie governative di avere accesso diretto ai suoi server, tuttavia, ulteriori documenti NSA trapelati hanno mostrato come l’agenzia abbia sviluppato spyware per bersagliare gli iPhone, consentendo la raccolta di informazioni dai dispositivi, mentre Apple ha negato di essere coinvolta nello sviluppo di tali spyware.

Inoltre, con l’ultimo sistema operativo iOS 8, Apple dice di non essere nemmeno in grado di decifrare i messaggi che passano attraverso i suoi dispositivi, in quanto ha posto la sua enfasi sulla sicurezza dell’utente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti