Facebook

Evento Facebook 2013- Graph Search nuovo motore social

Graph SearchA Menlo Park, che oggi ha ospitato il primo evento Facebook del 2013, Mark Zuckerberg sale sul palco per annunciare il nuovo motore social anti Google. Forte di oltre un miliardo di utenti, Zuckerberg annuncia quello che sarà il nuovo volto di Facebook: creare una forma diversa di motore di ricerca sociale, in concorrenza con il dominio del nemico Google. Facebook non aspira alla classica web search, la ricerca sul web, ma punta alla Graph Search, un sistema che intercetta e coordina i miliardi di dati dei suoi utenti, costituiti da 240 miliardi di immagini e 1000 miliardi di interconnessioni, che gli utenti del social network mettono quotidianamente insieme.

In questo modo, quando si cerca un’informazione, Facebook restituirà come risultato tutto un mosaico di dati relativi a quella specifica ricerca. Restituirà un insieme di informazioni costituiti da collegamenti multimediali, e rimandi al mondo del social, utilizzando pubblicità mirata. Questa è una risorsa enorme che Google attualmente non ha, e che Zuckerberg vuole sfruttare al meglio. Poi c’è la privacy. Questo è un aspetto che va tenuto in alta considerazione, perché si ha a che fare con dati personali di miliardi di utenti. infatti, lo stesso Zuckerberg ha dichiarato:

Si potranno effettuare ricerche solo tra quello che si è scelto di condividere.

Quindi, quello che cambia è la tipologia della ricerca. Graph Search sarà un’indagine multimediale nella rete sociale e tra le connessioni degli utenti. Se su Google, ad esempio, si può cercare un’immagine definendo il luogo, il tipo di immagine, l’ambientazione, su Facebook si potrà cercare ad esempio foto dei miei amici.

È evidente, comunque, che il metodo di ricerca di Facebook è diverso da quello di Google: infatti, nel riquadro di ricerca, ha detto Zuckerberg, si scrivono domande diverse e si ricevono risposte diverse. Poi ha fatto un esempio, illustrando come chiave di ricerca Che locali frequentano i miei amici a San Francisco?. Nello stesso modo si possono cercare persone, argomenti, luoghi e immagini.

Nella dimostrazione, Zuckerberg fa altri esempi, come cercare un dentista con cui i propri contatti si sono trovati bene. Questo tipo di ricerca può essere utile nel cercare un ristorante italiano in California, di cui amici italiani hanno scritto (e condiviso) bene nelle loro timeline sul social network. Oppure, con un altro esempio, per capire quali sono i libri, le canzoni ed i film più apprezzati e condivisi dagli architetti, dai single, dai fidanzati, ecc. Questo si rende possibile intercettando ogni informazione correlata tra quelle disponibili sui profili utenti, e che gli utenti hanno deciso di condividere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti