Facebook

Facebook apre un laboratorio di intelligenza artificiale a Parigi

Facebook ha aperto un laboratorio di intelligenza artificiale a Parigi, il suo terzo, allo scopo di costruire macchine più intelligenti che possano dare un senso alle enormi quantità di dati che la piattaforma ha a disposizione.

Già nel mese di marzo, il dirigente di Facebook Mike Schroepfer identificò l’intelligenza artificiale come una delle tre grandi scommesse sul futuro per il re dei social network. Ecco il problema: più di 1 miliardo di utenti di Facebook stanno mettendo più immagini, video e cose sulla piattaforma di quante ne possiamo tenere traccia, ha detto.

facebook-intelligenza-artificiale-parigi-informatblog

L’intelligenza artificiale, nota anche come apprendimento automatico, può aiutare a Facebook ad elaborare automaticamente tutti i dati e renderlo più utile agli utenti (e, potenzialmente, agli inserzionisti). Se Facebook avesse un algoritmo per individuare ciò che compare in una foto o in un video, potrebbe ordinarli in modo più efficiente.

A tal fine, Facebook AI Research (FAIR) ha aperto questo ufficio di Parigi per reclutare “alcuni tra i migliori ricercatori al mondo”, come dice il direttore Yann LeCun in un post sul blog. Gli altri due uffici sono a New York e a Menlo Park, nella Silicon Valley.

“E’ la nostra speranza che questa ricerca in ultima analisi ci aiuterà per i servizi come la bacheca, le foto, e a cercare ancora meglio per consentire una serie completamente nuova di modalità di connessione e di condivisione”, scrive LeCun. In questo post del blog, LeCun promette che la squadra FAIR di Parigi lavorerà sia con le altre due sedi che con i laboratori europei di intelligenza artificiale, per condividere e diffondere le ricerche che produce.

C’è una corsa all’intelligenza artificiale in corso in questi ultimi tempi: Google sta costruendo numerose funzioni di apprendimento automatico nella prossima versione di Android per rendere la sua caratteristica Google Now più utile, senza la necessità di dover cambiare le applicazioni, e l’assistente digitale di Microsoft, Cortana, diventerà sempre più intelligente più lo si utilizza.

L’investimento di Facebook e l’espansione di FAIR è solo un’anteprima di quello che verrà dopo, quando cominceremo a costruire macchine sempre più intelligenti. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti