Facebook

Facebook at Work: 12 cose da sapere

Facebook at Work è lo sforzo di Facebook di integrare il suo servizio di social network con le imprese e i loro dipendenti. Ecco alcuni fatti da conoscere riguardo a questa nuova piattaforma che si preannuncia davvero molto interessante:

  • Il servizio crea un social network per i datori di lavoro e i dipendenti per connettersi insieme.
  • Ci sono app e siti web separati per Facebook at Work rispetto al normale Facebook.
  • I datori di lavoro e i dipendenti devono creare un nuovo account business per utilizzare il servizio, ma non hanno bisogno di un account personale precedente.

facebook at work informatblog

  • Le informazioni provenienti da un account personale di un utente non vengono visualizzate sull’account di Facebook at Work.
  • I dipendenti non vedranno le informazioni del proprio account Facebook at Work sui loro account personali.
  • Tutti i contenuti creati dai dipendenti tramite account business apparterranno al datore di lavoro.
  • Se un dipendente con un account lascia l’azienda, il datore di lavoro assumerà il controllo dell’account.
  • Invece degli amici, la piattaforma ospita datori di lavoro e dipendenti, creando gruppi per comunicare al meglio.
  • Facebook attualmente non fa pagare il servizio, ma potrebbe farlo in futuro.
  • Ci sono oltre 450 le aziende che utilizzano la piattaforma di social media.
  • Il servizio è ancora nella sua fase iniziale riservata a pochi utenti.
  • La piattaforma offre la gestione dell’identità sicura con meccanismo single sign-on, supporto alle imprese e analisi per gli utenti.

A questo link avrete la possibilità di saperne di più su Facebook at Work.

Facebook si prepara a lanciare ufficialmente la sua piattaforma Facebook at Work, e ha inviato inviti a varie pubblicazioni e riviste di tecnologia per annunciare l’evento, che si terrà il 10 ottobre a Londra. Cosa ne pensate di Facebook at Work? Sperate di poterlo utilizzare anche all’interno dell’azienda in cui lavorate? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto!(Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti