Facebook

Facebook e il social network per esperti di sicurezza informatica

Facebook è a lavoro su un social network per i professionisti della sicurezza informatica, denominato ThreatExchange, per condividere informazioni e minacce che potrebbero portare ad attacchi informatici, mentre il governo degli Stati Uniti e le aziende cercano nuovi modi per coordinare le loro difese.

Il più grande social network del mondo sta intensificando il lavoro nel campo della sicurezza informatica collaborando con altre aziende tecnologiche, tra cui Yahoo e Pinterest. La piattaforma consentirà alle imprese di condividere indizi su come gli hacker si comportano durante i loro tentativi di violare la sicurezza preventiva.

Da quando gli attacchi informatici hanno colpito varie aziende private da Sony Pictures ad Anthem, i settori pubblico e privato sono sotto pressione per lavorare insieme per capire i loro avversari. Gli hacker uniscono le forze e condividono i consigli per irrompere nelle reti, ma finora, la comunicazione tra le parti delle difese informatiche è stata molto casuale.

facebook-sicurezza-internet-informatblog

Mark Hammel, dirigente delle infrastrutture di Facebook, ha detto che ThreatExchange è stato sviluppato da un sistema che l’azienda stava già già utilizzando internamente per rendere più facile catalogare le minacce al sito in tempo reale.

La decisione di Facebook di condividere lo strumento arriva in un momento in cui la società sta cercando di ampliare i suoi orizzonti al di là delle interazioni sociali con gli amici e la famiglia e rendere il prodotto un utile strumento anche sul posto di lavoro. La società sta anche creando un sito e un’app chiamata Facebook At Work, progettato per facilitare la collaborazione interna tra colleghi.

Hammel ha detto che Facebook darebbe il servizio di sicurezza informatica gratis, a differenza di altri sistemi di rilevamento minacce. “Riteniamo che l’impronta del nostro prodotto sia cresciuta, con sempre più persone che lo utilizzano per comunicare abbiamo la possibilità di passare più tempo su questioni di sicurezza più ampie che interessano Internet”, ha detto. Ha aggiunto che Facebook è “molto ben posizionata” con il suo progetto di condivisione sociale per dirigere un progetto contro le minacce informatiche. Ha aggiunto che Yahoo e Pinterest erano buoni partner iniziali perché hanno affrontato minacce simili e hanno una base di utenti considerevole e similare. “Insieme, stiamo proteggendo una percentuale piuttosto consistente di internet”, ha detto.

ThreatExchange viene dopo che Barack Obama ha messo la condivisione al centro di proposte di sicurezza informatica annunciate in vista del discorso sullo Stato dell’Unione il mese scorso. Ha proposto una legislazione che dovrebbe rendere più facile per le aziende condividere informazioni sulle minacce informatiche con il governo. Il governo degli Stati Uniti questa settimana ha annunciato che definirà una nuova agenzia, sul modello del National Counterterrorism Center con l’obiettivo riunire le informazioni provenienti dal governo durante un cyberattacco. Obama dovrà rimpolpare queste proposte in un vertice della Casa Bianca presso la Stanford University Venerdì, mentre chiederà alle aziende tecnologiche di fare qualcosa in più per aiutare.

Il settore finanziario condivide già le informazioni. Il Financial Services Information Sharing and Analysis Center – o FS-ISAC – insieme alla Depository Trust and Clearing Corporation, fornitore di servizi, lo scorso settembre lanciarono il primo servizio no-profit di intelligence diffuso. Il progetto è finanziato da 12 grandi aziende di settori tra cui la finanza, l’energia e l’assistenza sanitaria.

Ma molti analisti dicono che la condivisione delle informazioni è una sfida fondamentale per le difese informatiche. L’anno scorso c’è stata un’accelerazione forte negli attacchi contro le imprese commerciali. Tra queste, la più grande violazione dei dati personali presso un rivenditore Home Depot, così come l’attacco a Sony Pictures che l’FBI ha detto essere stato orchestrato dalla Corea del Nord.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti