Facebook

Facebook introduce uno strumento di prevenzione del suicidio

Facebook ha lanciato un nuovo strumento per aiutare le persone che potrebbero essere a rischio suicidio a evitare di farsi del male. Lo strumento di prevenzione suicidi, già stato rilasciato in alcune parti del mondo, è costruito per aiutare le persone a segnalare amici che potrebbero essere a rischio. Si può quindi fornire risorse e sostegno alle persone, così come ai loro amici e familiari.

Il sito incoraggia ancora persone che vedono minacce esplicite a chiamare i servizi di emergenza. Ma lo strumento è destinato a segnalare persone che potrebbero pubblicare contenuti preoccupanti. Per utilizzare lo strumento, gli amici segnalano una persona della quale sono preoccupati, questo messaggio passerà poi attraverso un sistema, sviluppato in collaborazione con Samaritans, che permetterà ad un team di esperti di valutare i modi migliori per procedere.

facebook-suicidio-informatblog

Se ciò dovesse accadere, l’utente vedrà un messaggio la volta seguente che effettua il login, che avverte che “un amico pensa che potreste attraversare un periodo difficile e ci ha chiesto di guardare i tuoi post recenti”. Le offerte di aiuto potrebbero includere un messaggio che dice alle persone di parlare con qualcuno di Samaritans o che potrebbe essere una buona idea parlare con un amico.

Il direttore della politica di sicurezza di Facebook Julie de Bailliencourt ha detto che il sistema è stato costruito per incoraggiare le persone a connettersi con altre persone. “Le persone usano Facebook per connettersi con gli amici e la famiglia, e questo è il motivo per cui stiamo evolvendo il supporto, le risorse e la consulenza per metterli a disposizione di persone in difficoltà, ai loro amici interessati e ai membri della famiglia”.

Tutte queste offerte di sostegno possono essere respinte se una persona vuole evitarle. Questa funzionalità segue uno strumento simile rilasciato nel 2014, che ha permesso alle persone di segnalare tweet che li preoccupavano. La funzionalità è stata poi fermata in seguito ai timori che sarebbe potuta essere usata per “trollare” persone vulnerabili. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti