AndroidiOS

5 nuove funzionalità di Android N già disponibili su iOS

Google ha sorpreso il mondo intero mercoledì con il rilascio di una developer preview di Android N molto prima del previsto. Invece di renderlo disponibile alla conferenza Google I/O a metà maggio, Google sembra ansiosa di ottenere un feedback degli sviluppatori prima che il software venga reso disponibile per i consumatori entro la fine dell’anno: Android N dovrebbe infatti essere disponibile per gli utenti a un durante l’estate, secondo il calendario di Google.

Ora che Android N è nelle mani di sviluppatori e chiunque altro cerchi di provare questa nuova versione del sistema operativo sui propri dispositivi Nexus, alcuni tester hanno esaminato le varie nuove funzionalità disponibili sul nuovo sistema operativo. Nel processo, hanno scoperto una serie di funzionalità che però sono già disponibili in iOS 9.

android-n-ios-informatblog

Ciò non significa che Google le ha “rubate” da Apple o da altri che hanno accarezzato questi concetti in precedenza, ma soltanto che Google finalmente ha deciso di implementarli in Android, il che significa che saranno caratteristiche native di Android che saranno disponibili sui dispositivi Android negli anni a venire. Naturalmente, la parte fastidiosa a questo proposito è che la maggior parte degli utenti non avranno la possiblità di ottenere queste nuove funzionalità fino al 2017 o persino più avanti. A quel punto, Apple avrà installato iOS 10 su decine o addirittura centinaia di milioni di dispositivi supportati.

Redatto da 9to5Mac, l’elenco delle funzioni che Google ha preso in prestito da iOS includono il multitasking split-screen, la modalità picture-in-picture, la capacità di rispondere alle notifiche direttamente dalla tendina, e un’impostazione della luminosità dello schermo chiamata Night Mode. Un altro elemento che è già disponibile su iOS 9 e che arriverà ad Android N è la capacità per le app di gestire le notifiche di gruppo.

Molti giustamente sottolineeranno che Samsung è stata la prima a supportare lo split screen e la funzionalità picture-in-picture, anche se l’azienda coreana ha aggiunto queste caratteristiche con l’aiuto della sua interfaccia utente TouchWiz. Questa è però la prima volta che Google le aggiungerà alla propria versione di Android.

Apple non ha ancora implementato la sua modalità Night Shift (disponibile solo in iOS 9.3 beta), mentre la funzione era disponibile su molte piattaforme di terze parti ben prima che Apple e Google decidessero di inserirle nei loro sistemi operativi mobili.

Da segnalare che ci sono alcune differenze tra il modo in cui Apple e Google hanno implementato alcune di queste caratteristiche simili. Lo split-screen funziona solo sui tablet su iOS, mentre Android N lo farà funzionare anche sugli smartphone. E il picture-in-picture sarà disponibile solo su Android TV, mentre Apple lo offre anche sull’iPad. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
One comment
  1. Davide

    Io rimango dell’idea che io sarà sempre indietro rispetto ad Android e sopratutto limitata dalle idee visto il che la fonte delle idee è solo una.
    Ricordo che solo ora io inizia ad avere un po di funzioni di Android che rimane personalizzabile in ogni suo aspetto al contrario di ios per non parlare dei costi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti