Google

Google aggiunge un tasto per l’acquisto su mobile

Seguendo le orme di Amazon ed eBay, Google starebbe lavorando ad un bottone che permetterebbe agli utenti di acquistare istantaneamente i prodotti che cercano.

Secondo un rapporto del 15 maggio su The Wall Street Journal, che cita fonti anonime vicine alla faccenda, la possibilità di fare acquisti immediati in base ai risultati della ricerca sarà distribuita sul browser mobile di Google.

Una volta che gli utenti hanno selezionato l’opzione di acquisto, che accompagnerà solo i risultati di ricerca sponsorizzati, si arriverà ad una pagina separata in cui si potranno scegliere le opzioni di spedizione e altre scelte di personalizzazione come il colore o la dimensione, e quindi completare l’acquisto.

google-pulsante-compra-informatblog

Google è in trattativa con il grande magazzino Macy come partner di lancio, e l’articolo ha anche affermato che Google non offrirà il servizio come una caratteristica del suo browser desktop. L’articolo sul Wall Street Journal ha indicato che alcuni rivenditori sono preoccupati: la caratteristica potrebbe servire come una barriera nel rapporto tra negozi e consumatori.

“Per placare le preoccupazioni dei rivenditori, Google permetterà ai consumatori di optare per gli stessi programmi di marketing che avrebbero visto se avessero fatto l’acquisto sui siti dei rivenditori. Ciò significa che i rivenditori otterranno informazioni e probabilmente indirizzi e-mail per futuri sforzi di marketing fino a quando i clienti accetteranno”.

Il giornale ha riferito i piani di Google per lo sviluppo di una tale funzione nel mese di dicembre 2014, una strategia che avrebbe messo la società in diretta concorrenza con i rivenditori online come Amazon, che attualmente domina il mercato. La mossa potrebbe certamente portare problemi ad Amazon, che ha speso quasi 160 milioni dollari in annunci di ricerca di Google in America nel 2013 – molto più di qualsiasi altra azienda.

Nel complesso, i primi 25 acquirenti statunitensi hanno speso 1,34 miliardi di dollari nel 2013 su Google, secondo una ricerca di Kantar Media focalizzata sul search marketing. Entro il 2018, la spesa sulla ricerca mobile raggiungerà 28,41 miliardi di dollari, l’85,9% del mercato del search advertising digitale degli Stati Uniti, secondo un rapporto di giugno 2014 di eMarketer.

Google possedeva l’82,8% del mercato mobile di ricerca da 2,24 miliardi dollari nel 2012, osserva il rapporto, e mentre il mercato continua a frammentarsi la quota di Google è scesa al 68,5% nel 2013, in quanto altre aziende hanno mosso i loro sforzi per diventare i portali d’ingresso per l’informazione mobile.

All’inizio di questo mese l’azienda ha rivelato che la maggior parte delle sue ricerche si svolgono su dispositivi mobili che sui computer in 10 diversi paesi, inclusi gli Stati Uniti.

Alla luce di questa tendenza, Google ha anche istituito modifiche al suo algoritmo di ricerca per dare maggior peso ai siti che funzionano su dispositivi mobili, così come ha fatto aggiornamenti ad AdWords, il servizio di pubblicità online della società. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti