GoogleInternet

Google acquista il dominio abcdefghijklmnopqrstuvwxyz.com

Google ha comprato l’alfabeto. Non letteralmente, naturalmente, (sempre che sia possibile), ma ha acquisito il nome di dominio abcdefghijklmnopqrstuvwxyz.com, pochi giorni dopo essere diventata ufficialmente una filiale di Alphabet, la sua nuova holding.

Il dominio è stato creato nel 1999 ed è stato aggiornato mercoledì, quando Google ne ha preso il controllo, in base al database dei domini Whois. Non è chiaro per quanto è stato acquistato. Google ha annunciato la sua ristrutturazione nel mese di agosto, nel tentativo di separare le sue attività principali quali la ricerca e Android dai suoi “moonshots” (ossia progetti di ricerca all’avanguardia) come l’auto senza conducente. Al momento, Google ha presentato il suo sito web con l’indirizzo abc.xyz.

google-alphabet-informatblog

Lo scopo del nuovo dominio non è chiaro dato che la pagina non carica (almeno fino ad oggi). “Ci siamo resi conto che abbiamo perso alcune lettere usando il dominio abc.xyz, quindi stiamo solo cercando di approfondirlo”, ha detto ai media un portavoce della società.

Google possiede 18.095 altri domini, secondo i dati sul Whois. E’il proprietario di Googl.com e Gogle.com, quindi se la gente commette errori ortografici mentre cerca Google, sarà ancora reindirizzata al motore di ricerca. A volte infatti le aziende faranno acquisizioni difensive di alcuni nomi di dominio, al fine di impedire loro di trovarsi in imbarazzo in un futuro. Il gigante tecnologico statunitense per esempio possiede il dominio GoogleSucks.com (traducibile in italiano come “Google fa schifo” o qualcosa del genere).

Il cambiamento ad Alphabet ha causato qualche mal di testa a Google quando si tratta di nomi di dominio. In realtà non possiede alphabet.com perché è attualmente di proprietà della casa automobilistica tedesca BMW, e non possiede nemmeno abc.com perchè è di proprietà dell’omonimo canale televisivo statunitense. Un rapporto del New York Times, all’inizio di quest’anno, ha suggerito che la BMW non vuole vendere alphabet.com. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti