Occhiali

Google Glass 2.0: Che cosa sarà diverso?

Google Glass non ha avuto molti fan con la prima versione sperimentale, ma Google ha una seconda versione in fase di sviluppo. Manuela Mesco del Wall Street Journal riferisce che Massimo Vian, il direttore generale di Luxottica, ha detto che una nuova versione di Google Glass è in lavorazione. Google dunque non si arrende con i Google Glass, anche se ha smesso di vendere la prima versione chiudendo il programma Explorer all’inizio di quest’anno.

Il Presidente esecutivo Eric Schmidt ha detto al momento che Google Glass è una piattaforma fondamentale per l’azienda: “Abbiamo finito il programma Explorer e la stampa ha supposto che avessimo annullato l’intero progetto, che non è vero. Google prende dei rischi e non c’è niente che suggerisce che stiamo per porre fine ai Glass”. Invece, Schmidt ha detto che i Glass, come l’auto senza conducente di Google, è un progetto a lungo termine. Google ha messo Tony Fadell, capo della divisione Nest di Google, nel ruolo di responsabile della strategia per il progetto al fine di “renderlo pronto per gli utenti”.

google-glass-2-0-cosa-ci-aspettiamo-informatblog

Una portavoce di Google ha detto al Journal che “la squadra è a testa bassa per costruire il futuro del prodotto”, ma ha rifiutato di fornire dettagli. Vian di Luxottica, inoltre, non ha fornito alcun dettaglio sulla tempistica per il lancio della prossima versione dei Google Glass. “In Google ci sono alcuni ripensamenti su come interpretare la versione 3 degli occhiali“, ha detto Vian. “Quella che si è visto era la versione 1. Stiamo lavorando alla versione 2, che è in fase di preparazione.” (Non è chiaro esattamente a cosa si riferisca Vian con la sua allusione ai ripensamenti sulla “versione 3” di un prodotto il cui secondo modello non è ancora stato rilasciato).

Nel mese di gennaio, il capo dei Google Glass Ivy Ross ha detto che la prossima versione sarà più economica, con una maggiore durata della batteria, una qualità del suono migliore, e con un migliore display. Google tenterà di contrastare il significativo stigma sociale associato al dispositivo abbinando la tecnologia con forme più familiari di occhiali. Luxottica è dietro marchi ben noti come Ray-Ban e Oakley, e potrebbe aiutare Google a rendere i Glass occhiali alla moda che la gente vorrà indossare regolarmente.

Nick Scholz di The Next Web ha recentemente riferito che oltre ai consumatori, Google continuerà a puntare ai clienti aziendali attraverso programma di lavoro dei Glass stabilito la scorsa estate. Google ha ancora molto da dimostrare con questo prodotto, ma la ricerca suggerisce che le imprese sono pronte ad adottare la tecnologia indossabile sul posto di lavoro. Un sondaggio di Forrester ha rilevato che su 3.000 interessati, il 68% dei dirigenti ritiene gli indossabili una “priorità” per le loro aziende. Nel giudizio di Scholz, i Google Glass 2.0 saranno necessari per migliorare la sicurezza e aggiungere nuove funzionalità che migliorano produttività e collaborazione.

E mentre Google ha detto che la prima versione dei Glass avrebbe adeguato la durata della batteria fino a un giorno intero di utilizzo, molti hanno trovato che resterebbe a corto di energia in appena 4-6 ore. La prossima versione del dispositivo dovrà essere in grado di durare un’intera giornata lavorativa, anche in videoconferenza e con altre funzioni che consumano molta batteria. Google potrebbe anche aggiungere miglioramenti di sicurezza per affrontare il fatto che la prima versione mancava di password o PIN, e automaticamente gli eventi registrati venivano memorizzati nell’account Google+ di un utente.

Inoltre, Scholz pensa che Google Glass dovrebbe essere dotato di una applicazione nativa per l’archiviazione e la condivisione dei dati. Google potrebbe dotare Google Drive di funzioni di sicurezza avanzate e rendere più “trasparente” l’accesso e l’uso tramite Google Glass. La prossima versione di Google Glass potrebbe anche integrare il software avanzato di dettatura per consentire agli utenti di trascrivere note, dettare e-mail, e attivare la comunicazione a mani libere. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti