Altri accessoriGossip e frivolezze

Google Glass e la disavventura di un ignaro giornalista

Google-GlassQuella che sto per raccontarvi è una divertente disavventura accorsa ad un giornalista americano che stava provando per la prima volta un paio di Google Glass. Sarà stata la poca conoscenza del dispositivo o solo una fatale distrazione, sta di fatto che a suo danno ha scoperto quanto poca privacy può procurare un device che non si sa come far funzionare.

Tutto parte da quella voglia spesso infantile di provare dei nuovi dispositivi senza prima conoscerne a pieno le sue potenzialità e come sempre il connubio nuovo device e scarsa conoscenza porta a qualche disastro annunciato, quindi una bella mattina il nostro giornalista indossa il suo nuovo paio di Goolge Glass, ma sfortuna sua essendo miope non riesce bene a mettere a fuoco lo schermo, sta di fatto che non si accorge che l’occhiale tecnologico made in Google sta registrando ogni suo movimento e per registrare intendo video registrare ogni suo movimento, registra gli articoli che sta scrivendo, le telefonate, ciò che ricerca sul pc e anche dati più sensibili come password e momenti più privati e personali, di cui almeno noi non vogliamo rendervi partecipi.

Google-Glass-700x566-ampliacion-09072012

Tutto finisce sui social, perché come voi ben sapete, ma il nostro malcapitato giornalista ignorava, Goggle Glass fondamentalmente è un dispositivo social, può condividere su facebook, twitter, inviare foto e video via mail. Se il vostro smartphone è una finestra sul mondo capace di condividere in pochi attimi ciò che voi volete condividere, Google Glass è qualcosa di più personale, più intimo, è il vostro punto di vista condiviso via social, ciò che vediamo e sentiamo condiviso con il mondo.

Ad interrompere questa versione di grande fratello via google glass sono stati i stessi colleghi che dopo essersi accorti del fatto e averci riso su per un paio di minuti hanno avvertito di ciò che stava accadendo il malcapitato, dopo attimi d’imbarazzo e aver rimosso i filmati sui social ha giurato a se stesso che la prossima volta si sarebbe informato accuratamente sulle peculiarità del dispositivo da provare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti