AndroidApp

Google si prende cura della vostra salute con Google Fit

Google Fit è una nuova applicazione gratuita per Android, ancora in via di sviluppo, che mette insieme le vostre attività e le statistiche sulla vostra salute in un’unica piattaforma. Se installata su un telefono Android, è possibile utilizzarla per monitorare automaticamente le attività di camminare, correre, andare in bicicletta e il peso, ma non molto altro. L’integrazione con applicazioni di terze parti che raccolgono più dati è in lavorazione, ma non ancora disponibile.

Al momento del lancio, Google Fit impallidisce in confronto con altre piattaforme di salute e attività fisica attualmente presenti sul mercato. Anche l’applicazione Salute appena rilasciata da Apple, che è ancora nella sua infanzia e non utilizza il telefono per tenere traccia delle attività, è dieci volte più approfondita rispetto a Google Fit.

google-fit-informatblog

Le uniche persone che dovrebbero installare a prescindere Google Fit sono quelle con un dispositivo Android Wear, come ad esempio il Motorola Moto 360 o il Samsung Gear Live. L’applicazione potrebbe diventare un ottimo riassunto per vedere i dati di attività tracciati su grafici nel tempo. Come applicazione stand-alone, Google Fit è troppo limitata in questo momento. Tiene traccia solo dell’attività quotidiana, il progresso verso l’obiettivo, e il peso. C’è uno spazio che sembra tracciare la frequenza cardiaca, ma pare non sia possibile ancora inserirla.

Impostazione e Accesso ai dati

L’installazione di Google Fit è stata rapida e semplice, in parte perché non c’è molto da inserire. L’applicazione è ancora un prodotto incompleto, speriamo che ingrosserà nel tempo ma in questo momento è veramente scarna.

Come con qualsiasi altra applicazione di monitoraggio attività, si inizia inserendo le informazioni personali e sul corpo, come altezza, peso, età e sesso. Google Fit non chiede ulteriori dettagli, come ad esempio dove vi trovate sulla scala delle attività (da sedentario a sportivo). Tali informazioni vengono spesso utilizzate per una miglior stima sulle calorie bruciate, sicuramente Google Fit non ha bisogno di saperlo perché non stima le calorie bruciate.

Ci sono anche un certo numero di richieste di autorizzazione. Google ha bisogno di sapere dove andate al fine di tenere traccia delle attività. Se la cosa vi crea problemi probabilmente non vorrete utilizzare un sistema di tracciamento di attività basato sul telefono, punto.

Al suo livello più elementare, Google Fit funziona in modo simile all’applicazione Moves per iPhone, acquisita da Facebook all’inizio di quest’anno. Tramite utilizzo del GPS e della tecnologia motion-sensing già integrata nel telefono capisce quanto ci si sta muovendo per tutta la giornata, e che tipo di movimento è. L’app tiene traccia di tali attività, le somma e le pesa contro l’obiettivo che avete impostato.

Con Google Fit, integrazioni di app di terze parti non sono ancora disponibili, e questo è fonte di confusione. Se state per scaricare l’app nella speranza che sia un prodotto finito, ripensateci.

Una grande parte mancante dell’applicazione è un sistema di tracciamento del cibo ingerito, in modo da conoscere le calorie assunte. Ci auguriamo che Google lo aggiunga, o perlomeno aggiunga il supporto per MyFitnessPal al più presto. Praticamente ogni altra piattaforma con un dispositivo di tracciamento fitness o app permette di connettersi a MyFitnessPal, e Google dovrebbe fare altrettanto con Fit. Si tratta di una parte essenziale per una piattaforma di fitness tracking.

Con l’app Salute di Apple l’esperienza è molto migliore, anche se più lunga e più complicata da configurare. Questo è in gran parte dovuto al fatto che le integrazioni di app di terze parti sono state già attivate ​​in Salute: è possibile collegarla a MyFitnessPal, a Misfit Shine, a Garmin Connect, e ad altre applicazioni. Fitbit è invece mancante.

Galleria di immagini di Google Fit

Google Fit consente di visualizzare la vostra attività e altri dati sanitari su diverse piattaforme. L’applicazione Android è il luogo più ovvio, ma è anche possibile visualizzare le statistiche effettuando l’accesso all’account Google su un browser web puntandolo a google.com/fit. Chiunque abbia un dispositivo Android Wear sarà in grado di vedere i loro dati sull’orologio, e viceversa, i dati raccolti dall’orologio servono anche per sincronizzare l’applicazione.

In movimento

Come detto, Google Fit segue automaticamente la vostra attività: camminata, corsa, bici, e traccia le attività su un semplice grafico. Aggiunge anche il tempo attivo totale per il giorno corrente e lo confronta con l’obiettivo impostato da voi stessi. Per impostazione predefinita, si tratta di un’ora di attività al giorno.

Google Fit per Android Wear

Finora, è stato descritto come funziona Google Fit come applicazione stand-alone. Ma se si possiede un dispositivo Android Wear è possibile utilizzarlo come un cruscotto per vedere la vostra attività nel corso del tempo, come il numero di km camminati in una settimana, in media, e le differenze nell’attività rispetto ai giorni precedenti. Come detto, i proprietari di un dispositivo Android Wear avrebbero dovuto avere una app per questo già molto tempo fa, ma ahimè … potranno utilizzare Google Fit ora che è disponibile.

Quindi, a meno che non possiediate un dispositivo Android Wear, dovrete dare a questa applicazione da sei mesi a un anno prima di considerarne l’utilizzo. Semplicemente ancora non fa abbastanza per giustificare il download.

Conclusioni

Pro: Traccia automaticamente cammino, corsa, uscite in bicicletta. Registra il peso e (in teoria) la frequenza cardiaca.
Contro: Al momento del lancio la app sembra incompleta. Si collega (o si collegherà) ad un numero molto limitato di applicazioni e dispositivi. Nessun campo di immissione per la registrazione del sonno. Nessun sistema per contare le calorie. Non stima le calorie bruciate.
Riassunto: Google Fit, la nuova piattaforma di fitness per gli utenti Android, è un’applicazione incompleta e molto limitata. Alcuni utenti avranno comunque voglia di installarla però.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti