Caricamento in corso...
News

Il co-fondatore di Android Andy Rubin pronto a creare nuovi smartphone

Andy Rubin, il co-fondatore di Android prima che diventasse parte centrale di Google, sta pensando ad un ritorno sul mercato degli smartphone. Invece di creare software per smartphone, però, Rubin è interessato a sviluppare un telefono Android, secondo un rapporto di oggi proveniente da The Information.

L’uomo responsabile per la co-creazione del sistema operativo mobile più diffuso al mondo sta cercando di reclutare persone per la nuova azienda, aggiunge il rapporto, ma non è chiaro se Rubin vorrebbe un ruolo di leadership per il nuovo progetto o semplicemente finanziarlo.

andy-rubin-android-informatblog

La nuova azienda produttrice di telefoni potrà essere finanziata attraverso Playground Fund, l’incubatore di startup che Andy Rubin ha fondato quest’anno dopo aver lasciato Google lo scorso autunno. Playground Fund ha raccolto circa 300.000.000 di dollari finora, e Rubin è attivo nella comunità di venture capital sin da quando è diventato partner di Redpoint Ventures nel mese di aprile. Ha investito denaro nell’intelligenza artificiale e nelle iniziative smart home, ma vede ancora il mercato dei telefoni Android come un’area matura per le nuove aziende.

Il mercato Android, in particolare nella gamma media e bassa, non manca di nuovi arrivati come Nextbit Robin e OnePlus, che sperano di ritagliarsi un piccolo spazio nell’affollato mercato. Quindi, se vi è la possibilità per Andy Rubin, si potrebbe trovare meglio nella fascia alta, dove Apple tipicamente domina. Google stesso ha espresso interesse a competere con Apple in quello spazio per progettare e costruire i propri componenti di smartphone, in collaborazione con i produttori di chip.

Il ritorno di Andy Rubin in Android segnerebbe un’altra mossa a sorpresa dell’imprenditore. Rubin improvvisamente decise di lasciare la divisione Android di Google a marzo 2013, consegnandola al compagno dirigente (e futuro CEO di Google) Sundar Pichai. Ha poi lasciato Google ufficialmente nel novembre 2014, dopo aver supervisionato l’acquisizione segreta di numerose startup di robotica di alto profilo, tra cui Boston Dynamics, che ha progettato con successo un robot quadrupede. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Loading...
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti