Mercati emergenti

La Cina prevede di spodestare Microsoft, Apple e Android con il proprio software

La Cina sta progettando il proprio sistema operativo desktop e mobile per spodestare i rivali Microsoft, Apple e Google. La versione desktop (ancora senza nome) sarà rilasciata nel mese di ottobre con il suo App Store, indipendente da aziende occidentali, con una versione per smartphone e tablet prevista in tre-cinque anni.

Le autorità cinesi sperano di spodestare il sistema operativo Android di Google, e le tante versioni open-source modificate di Android, ha riportato il Ministero cinese dell’Industria e dell’Information Technology. La tecnologia informatica è diventata una zona di diffidenza reciproca tra Cina e Stati Uniti dopo le rivelazioni NSA e di alcune aziende di sicurezza informatica, con le accuse di pirateria sponsorizzate dallo stato e la creazione di backdoor in hardware e software.

La Cina ha vietato Microsoft Windows 8 sui computer del governo a maggio con la maggior parte dei computer che eseguono ancora Windows XP, che non è più supportato da Microsoft. Microsoft affronta anche un’indagine contro il monopolio in Cina di Windows e Office.

Puntando in alto

Ni Guangnan presso l’Accademia cinese di Ingegneria, che ha sviluppato il software da marzo, ha detto che lo sforzo è stato progettato per portare il software della Cina alla pari con la tecnologia hardware del paese da aziende come Huawei, che alimenta un numero significativo di reti mobili attraverso il suo business delle infrastrutture.

“La creazione di un ambiente che ci permette di fare i conti con Google, Apple e Microsoft è la chiave del successo”, ha detto Guangnan. Il nuovo software cinese vedrà un’alleanza di oltre 13 società di software con 80 unità di ricerca legate attraverso standardizzazione per creare il nuovo ecosistema desktop e mobile completo di app store locali. Guangnan mira a spostare di Windows XP in uno o due anni dai computer desktop cinesi e Android dai dispositivi mobili in tre-cinque anni.

“Allo stato attuale, gli sviluppatori del sistema operativo mobile cinese includono più di una dozzina di aziende, ma non si può dire quali sono sulla base dei diritti di proprietà intellettuale” ha detto Ni Guangnan. “È necessario cambiare l’approccio passato, invece di copiare il modello precedente integrare le risorse accumulate in passato con un sistema operativo unificato gestito dallo stato”.

I precedenti tentativi

Questa non è la prima volta che la Cina cerca di creare il proprio software di sistema operativo. L’Accademia Cinese delle Scienze ha rilasciato un sistema operativo basato su Linux nel 2000 chiamato Red Flag (Bandiera Rossa), con desktop, server e software di produttività in uso nelle scuole e negli uffici governativi.

Il sistema operativo cinese basato su Linux è stato poi rilasciato nel mese di gennaio dall’Accademia per i dispositivi mobili. La National University of Defense Technology inoltre ha sviluppato “Kylin OS”, che è stato progettato come software di alta sicurezza per il governo. Una versione consumer basata su Ubuntu Linux è stata rilasciato nel mese di aprile del 2013. Non è chiaro se il nuovo software dell’Accademia cinese di Ingegneria si baserà sugli sforzi precedenti, ma probabilmente coinvolgerà Linux.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti