Gossip e frivolezzeSocial Network

Incriminato dopo aver postato foto con statua di Gesù su Facebook

Un adolescente della Pennsylvania (Stati Uniti) è stato accusato questa settimana con il capo d’accusa di “profanazione di oggetto venerato” dopo aver postato una foto di sè stesso e una statua di Gesù Cristo coinvolto in un atto sessuale, secondo The Smoking Gun.

La foto è stata scattata a fine luglio di fronte a un’organizzazione cristiana nella città natale del ragazzo di Everett ed è stata postata su Facebook, e adesso il ragazzo rischia fino a due anni in un centro di detenzione minorile, in base ad una legge (a dire il vero non molto in voga) del 1972 dello Stato della Pennsylvania, che considera tale lascivo agire un reato.

foto-teenager-incriminato-facebook

Secondo quanto scritto dall’Huffington Post, le foto originali postate su Facebook assieme all’aggiornamento di stato hanno attratto 124 commenti di ogni tipo, dall’incoraggiamento al disprezzo. Anche se la rigorosa applicazione di una legge antiquata come questa non è molto comune, la storia di questo giovane ragazzo non è certo una novità: ci sono vari casi di persone che a partire dai social network sono finiti nei guai per quello che hanno messo online. In passato ci sono stati aggiornamenti di stato di Facebook e tweet che sono costati posti di lavoro alle persone, che hanno causato loro imbarazzo pubblico, e che come questa volta sono stati motivo di accusa di crimini.

Nel 2010, uno studente in un collegio cattolico a Wilkes-Barre venne arrestato un’accusa di profanazione simile. Il giovane, di 22 anni al momento dell’arresto, fu arrestato dopo che un poliziotto lo vide urinare su un presepe costruito in una piazza della città.

Se l’adolescente in questione sarà effettivamente condannato a due anni interi di detenzione in un centro di riabilitazione minorile, fate che ciò vi serva come promemoria: una pratica intelligente è quella di pensare prima di postare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti