Hardware

Intel Xeon Phi tornerà ad affiancare le CPU

I coprocessori Intel Xeon Phi sono per il momento relegati al ruolo di schede acceleratrici da inserire negli slot PCI Express, ma sembra che l’azienda di Santa Clara abbia in mente di far scalare qualche alloggiamento a questo componente, fino a portarlo tra i piani alti della scheda madre.

Intel_Xeon_Phi_PCIe_Card

Secondo Bright Side of News lo Xeon Phi si trasformerebbe in un chip che andrebbe ad inserirsi nel socket, tornando accanto alla CPU. Una mossa derivante dal bisogno di supercomputer sempre più potenti dei centri di ricerca e, cosa non meno importante, dalla necessità di Intel di risollevare i propri introiti.

Le schede Xeon Phi non consentono al momento di ottenere risultati consistenti, principalmente perché la maggior parte dei componenti che troviamo sul circuito stampato, a partire dalla memoria GDDR5 e dagli elementi PMW, sono prodotti da terze parti. Intel punta quindi su una maggiore indipendenza da produttori esterni e per fare questo il primo passo sarebbe quello di rimuovere il chip Xeon Phi dalle schede acceleratrici, rendendolo stavolta dipendente da un prodotto Intel, ovvero il processore.

Con questa mossa si riuscirebbe a continuare a vedere i due chip in coppia, aumentando la potenza dei supercomputer come richiesto dai centri di ricerca, e forse anche a contrastare almeno un minimo l’avanzata delle GPU, che comunque sembrano essere sempre un passo avanti. I primi sample di questo rinnovato Xeon Phi dovrebbero essere già pronti, ma ancora non si sa quanti prodotti verranno lanciati sul mercato, lancio che dovrebbe avvenire verso il 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti