Google

Per Google l’iPhone è più importante di Android

Anche se Google in questi giorni ha le mani su ogni cosa, dalla robotica all’intelligenza artificiale avanzata, i miliardi della società in generale continuano a provenire esclusivamente dalla pubblicità. Più precisamente, il 90% dei 66 miliardi di dollari che Google ha generato nel 2014 sono arrivati direttamente da imprese relative alla pubblicità

Non a caso, una parte sempre più importante della macchina pubblicitaria di Google è la ricerca mobile. Nel solo 2014, il 18% delle entrate pubblicitarie di Google, pari a circa 11,8 miliardi di dollari, sono arrivati da ricerche effettuate su dispositivi mobili.

google-pubblicita-iphone-informatblog

La cosa interessante, però, è che l’iPhone è responsabile per il 75% dei ricavi mobile di Google, lasciando Android con una quota sorprendentemente bassa e sproporzionata del 25%. Ciò è particolarmente stridente dato che Android batte regolarmente l’iPhone quando si tratta di quota di mercato complessiva.

Per concretizzare un po’ i numeri, i dispositivi iOS nel 2014 hanno generato quasi 9 miliardi di entrate per Google mentre Android, il suo sistema operativo mobile, ne ha generati poco meno di 3. Queste cifre provengono da un rapporto degli analisti di Goldman Sachs a cui ha recentemente fatto riferimento il The New York Times.

“Android è stato finora un vero disastro rispetto a iOS”, nota il rapporto, “i cui utenti tendono ad avere più soldi e spendere molto più tempo con i loro telefoni (e sono, quindi, più preziosi per gli inserzionisti)”. Dato che un utente iPhone che usa Google per la ricerca è più redditizio, in media, di un corrispondente utente Android, non sorprende che Google paghi ad Apple una cifra stimata in 1-2 miliardi di dollari ogni anno per rimanere il motore di ricerca predefinito su Safari mobile.

Sottolineando l’importanza di iPhone per Google, considerate questo: se Apple cambiasse motore di ricerca predefinito in Safari Mobile in favore di Bing, le entrate di Google scenderebbero di oltre il 13%. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti