Smartphone cinesi

La cinese LeTV lancia uno smartphone e apre in USA

Il miliardario Jia Yueting ha ottenuto una certa attenzione dalla stampa statunitense il mese scorso, quando ha paragonato Apple ai nazisti in un post sul popolare social media cinese Weibo. Ha subito chiesto scusa. Potrebbe non essere esattamente stata l’attenzione che cercava, ma sperava di ottenere in qualche modo l’attenzione dei consumatori americani.

Yueting è il CEO e fondatore di Leshi TV (LeTV), società di streaming on-line di Pechino. Ad un evento mediatico tenuto lunedi pomeriggio a San Francisco, LeTV ha annunciato due grandi movimenti: arriverà negli Stati Uniti e si sta facendo strada nel business degli smartphone.

letv-smartphone-informatblog

La maggior parte delle persone probabilmente non ha mai sentito parlare di LeTV, ma l’azienda è cresciuta fino a diventare uno dei più grandi servizi di streaming video in Cina con 400 milioni di utenti mensili. L’azienda ha 5.000 dipendenti ed una capitalizzazione di mercato di circa 12 miliardi di dollari alla borsa di Shenzhen. LeTV ha costruito una libreria di oltre 100.000 serie TV e 5.000 film, iniziando anche a costruire una sua propria Smart TV per lo streaming di contenuti battendo concorrenti del calibro di Samsung e Sony nel mercato cinese.

LeTV sta aprendo un quartier generale in USA a Redwood City per avviare la sua presenza nella Silicon Valley, e sta aprendo un altro ufficio a Los Angeles per avvicinarsi a Hollywood per più collaborazioni per i contenuti che potrà fornire. Si prevede che inizi a vendere il suo servizio di streaming negli Stati Uniti entro la fine dell’anno.

L’ingresso nel settore degli smarphone con ciò che per adesso si chiama Le Superphone è sostanzialmente utile per ottenere più controllo su come il suo contenuto viene trasmesso in streaming. Il modello di business principale per LeTV finora è quasi puramente quello di vendere sempre più contenuto in streaming. L’azienda fa soldi con gli abbonamenti e con gli annunci pubblicitari visualizzati accanto ai contenuti. Questo modello di business sarà certamente lo stesso per il telefono.

“Il settore smartphone sta diventando un po’ stantio. E’ un po’ vecchio, sempre più vecchio”, ha detto il vice presidente e general manager di LeTV JD Howard all’evento di San Francisco. “Pensiamo che la via da seguire sia incentrata sui contenuti, non sulle app”.

La versione di Android personalizzata del Le Superphone si concentra prima di tutto sullo streaming dei contenuti video di LeTV. C’è un pulsante “Live” nella parte inferiore dello schermo da premere per avviare immediatamente la visione della TV in diretta. Scorrendo a destra c’è l’elenco dei programmi TV e film da guardare – tutto su misura per le preferenze di visualizzazione dell’utente.

Poiché il telefono è specificamente progettato per offrire lo streaming video di LeTV, Howard ha detto che è stato costruito appositamente per offrire una migliore esperienza di visualizzazione agli utenti. Ad esempio offre una gamma di colore più dinamica rispetto a qualsiasi altro smartphone di fascia alta.

LeTV non ha ancora annunciato il prezzo per il Le Superphone, ma l’hardware è di fascia alta. Il telefono utilizza il processore Qualcomm Snapdragon 810 e ha una fotocamera da 21 megapixel. Per la ricarica, LeTV ha optato per il cavo USB Type-C. Saranno disponibili due modelli, da 5,5 pollici e da 6,3 pollici.

Alla fine LeTV vuole espandere i suoi servizi di streaming in più dispositivi per controllare l’esperienza video. Negli ultimi mesi, ha fatto parlare di sè per la volontà di costruire auto elettriche. Di recente ha detto che avrebbe iniziato a vendere queste auto negli Stati Uniti. Le specifiche attuali della vettura sono evanescenti, ma sostiene di avere a disposizione un team di 300 persone che lavorano su di essa che prima lavoravano a Tesla, BMW e Apple.

“Spendiamo un sacco di tempo sugli schermi”, ha detto il vicepresidente corporate di LeTV Mark Li all’evento di lunedi. “Vogliamo creare la migliore esperienza possibile per questi schermi. Questo spiega il motivo per cui vogliamo creare automobili e telefoni cellulari”. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti