Caricamento in corso...
LG

LG sta puntando tutto sul suo nuovo LG G5

L’anno scorso è stato un anno preoccupante per LG. Nonostante il rilascio di non uno, ma due telefoni di punta ben recensiti, la divisione mobile della società ha perso 68 milioni di dollari nel terzo trimestre, migliorando solo un po’ nel quarto. Sembrerebbe (secondo i dati di vendita e guardando i telefoni nelle mani delle persone) che nonostante le caratteristiche innovative con ogni nuovo telefono cellulare, i consumatori preferiscano Apple e Samsung.

Il che è un peccato, perché i telefoni LG sono innegabilmente innovativi. Il G2 (il modello di punta del 2013) ha spostato i tasti volume e accensione sul retro del dispositivo, una mossa sorprendente al momento, ma che da allora ha preso piede: il Google Nexus 6P, ad esempio, pone il suo scanner di impronte digitali sul retro. Un anno dopo, il G3 è diventato il primo telefono tradizionale con un display quad HD (altri produttori di telefoni l’hanno introdotto in seguito). Nel 2015, il G4 ha introdotto controlli della fotocamera manuali e uno schermo e un corpo curvi, mentre il V10 ha scosso il mercato con un display secondario sempre attivo. Anche se non siete un fan di questi telefoni (alcune persone odiano i pulsanti posteriori, per esempio) dovete almeno dare all’azienda coreana il merito di provare cose nuove invece di tirare fuori i soliti cloni dell’iPhone.

lg-g5-informatblog

Ma è un business, dopo tutto, e LG non può continuare a perdere denaro nel reparto mobile. Non con le società cinesi come Huawei e Xiaomi all’attacco del mercato smartphone (il Nexus 6P è stato fatto proprio da Huawei ed è stato molto ben accolto), con nuovi produttori di telefoni che appaiono a destra e a manca, e naturalmente con Apple e Samsung sempre avanti in termini di vendite.

Dunque cosa deve fare LG? Avrebbe potuto sventolare bandiera bianca e passare a fare un clone di iPhone, stile HTC. Oppure continuare ad essere diversa e innovativa, e lottare direttamente contro i grandi del settore. E proprio questo sembra essere il piano di LG con il suo G5, il modello di punta per il 2016. L’LG G5 sarà ufficialmente svelata al mondo al Mobile World Congress di Barcellona il 21 febbraio, ma molti dettagli sul telefono sono già trapelati. E il piano di LG sembra proprio puntare forte sull'”essere diverso“.

Tra il più pazzo dei dettagli trapelati, secondo l’altamente affidabile Evan Blass, c’è che l’LG G5 sarà caratterizzato da un design modulare primo nel suo genere, ossia il telefono ha parti rimovibili che possono essere scambiate con nuovo hardware (come pure permettere agli utenti di cambiare la batteria, una caratteristica che manca in quasi tutti gli smartphone di punta non LG). Questa funzionalità è emozionante perché le possibilità sono infinite quando si possono collegare fisicamente nuove attrezzature. LG si dilettava nel territorio audiofilo già alla fine del 2015, quando ha messo un convertitore digitale analogico ESS Sabre 9018C2M all’interno del V10 (traduzione: produce suono migliore di qualsiasi altro smartphone), immaginate ciò che il G5 potrà fare se sarà possibile collegare un amplificatore al telefono. Secondo Blass, i moduli della fotocamera, i dispositivi per la realtà virtuale e le tastiere fisiche potranno essere tutti inseriti.

Altre cose che differenzieranno il G5 dagli altri telefoni saranno il display Always on e una cover opzionale frontale che consente agli utenti di accedere ai comandi touchscreen con il coperchio frontale attivo (entrambi dettagli confermati da LG), insieme a due telecamere posteriori, che dovrebbero poter funzionare insieme per creare scatti panoramici grandangolari.

Ora parliamo della decisione di LG di annunciare il telefono il 21 febbraio, quando gli scorsi modelli di punta sono sempre stati annunciati in marzo o aprile. Anticipare l’annuncio per LG significa lottare direttamente per il rivale del suo paese di origine, Samsung, il cui Galaxy S7 sarà anch’esso presentato il 21 febbraio (Samsung l’ha annunciato il giorno prima, se volete sapere chi va dopo chi).

Anche quando un telefono LG vende bene, i profitti per ogni telefono venduto sono incredibilmente bassi, solo poco più di un centesimo. Tale è il paesaggio in un mercato Android fortemente competitivo, dove ogni azienda deve combattere l’una contro l’altra per l’attenzione dei consumatori (a differenza di iPhone, che ovviamente non ha concorrenti sul mercato iOS). Così l’LG G5, che prende ulteriormente l’idea del fallito G4, è un’importante scommessa da parte della società. Non è solo una lotta tutta coreana contro Samsung, ma anche contro le società di telefonia cinesi che stanno diventando sempre più abili a creare telefoni di qualità a prezzi economici. Il G5 dovrà avere successo, o sarà molto difficile per LG continuare a giustificare la sua divisione mobile.

Ma la società sembra fiducioso. Sta andando all-in. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Loading...
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti