Google

L’hangar n.3 di Google è un mistero

Nella baia di San Francisco, è presente un misterioso hangar n.3 che desta molti sospetti e molte perplessità da parte del governo degli Stati Uniti.

google-data-center-internal-2012-1-1320px

Il suddetto hangar n.3 appartiene niente di meno che a Google e si sospetta che al suo interno possa nascondersi un enorme chiatta galleggiante contenente degli enormi data center.

hangar n.3 di Google

Vi starete chiedendo per quale motivo gli Stati Uniti si interessano a questa cosa. La risposta potrebbe essere semplice quanto inquietante: infatti secondo il governo degli Stati Uniti, Google starebbe pensando di esportare parte dei suoi data center in delle chiatte off shore, le quali sarebbero alimentate direttamente dalle onde del mare e raffreddati dall’acqua salata. La preoccupazione del governo USA sarebbe l’impossibilità di reperire nuovi dati riguardanti gli utenti in quanto le chiatte, essendo poste in acque internazionali, non sarebbero sotto la giurisdizione americana.

Le preoccupazioni del governo americano sono ulteriormente alimentate da un brevetto depositato da Google nel 2008 su un progetto di un data center installato su una nave perennemente alimentato da correnti oceaniche.

Tornando a parlare dell’hangar n.3 è stato posto sotto stretta sorveglianza. Infatti come ci racconta un giornalista di Cnet, all’entrata dell’hangar è presente un cartello con scritto: state entrando in un edificio sicuro. Si prega di lasciare smartphone, fotocamere e qualunque dispositivo elettronico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti