Android

Ma l’interesse su Android L è davvero giustificato?

Android L non è ancora stato rilasciato, ma ci è già stato dipinto un quadro abbastanza chiaro di ciò che potremo aspettarci quando questo aggiornamento Android vedrà la luce il prossimo autunno. Google sta vendendo Android L come uno dei più grandi aggiornamenti di Android finora, ma è davvero così?

Non è una sorpresa che Android L sta portando con sé una revisione dell’interfaccia utente enorme rispetto a come siamo stati abituati, è stato qualcosa che aspettavamo di volta in volta ad ogni nuova release di Android. Con la “Material Design” che rimane il nucleo principale della versione Android L, il progetto non si ferma alla piattaforma mobile, ma si trasferirà verso web e desktop. Tuttavia a prima vista sembra che ci siano solo alcune icone cambiate, un paio di diverse combinazioni di colori luminosi e pulsanti di navigazione ridisegnati, anche se Google promette una nuova e ottimizzata esperienza visiva sulla base di una pletora di modifiche al modo in cui il sistema operativo è gestito.

android-l-interesse-giustificato-informatblog

Ci sono nuove notifiche che mostrano ulteriori informazioni e lampeggiano sulla schermata, un processo di sblocco più intelligente che userà la vostra posizione per impostare le impostazioni di protezione, e più opzioni di multitasking. Alcuni temono che i cambiamenti renderanno Android L un po’più arduo da usare, mentre altri ne celebrano la standardizzazione che sarà in vigore tra le diverse piattaforme, per dare all’utente un’esperienza più uniforme indipendentemente dal dispositivo che si sta utilizzando.

Infine, le prestazioni del sistema operativo in generale stanno subendo una revisione con il passaggio all’ART runtime e al supporto a 64-bit. In questo modo teoricamente potrete ottenere tempi di lancio più rapidi per le applicazioni, semplificando il lavoro per gli sviluppatori. Altro componente fondamentale, Project Volta gestirà tutta l’ottimizzazione della batteria e permetterà opzioni di risparmio energetico estreme e altre ottimizzazioni a livello di sistema.

Sulla carta il tutto sembra ancora un po’astratto e dovrà essere messo alla prova duramente prima di avere eventuali pareri concreti. Se tutti i cambiamenti faranno quello che dovrebbero fare senza tutti i bug che le precedenti versioni di Android hanno portato con sé, allora questo potrebbe effettivamente essere uno degli aggiornamenti più importanti per il sistema Android. Cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti