Dati finanziariiPad

Mercato tablet in calo, iPad giù del 23%

Solo pochi anni fa sarebbe stato facile credere che l’Apple iPad, il Samsung Galaxy e gli altri tablet sarebbero continuati a crescere a un ritmo a due cifre, ma secondo un rapporto pubblicato oggi le vendite dei tablet continuano a diminuire e non vi è fine per questa tendenza.

La società di ricerca IDC ha annunciato che per il secondo anno consecutivo il numero di tablet venduti è drammaticamente diminuito nel primo trimestre del 2015. Nel complesso il numero di tablet venduti è sceso del 5,9% a 47,1 milioni in tutto il mondo nei primi tre mesi dell’anno.

vendite-ipad-calo-informatblog

Apple è rimasta in cima alla classifica di IDC, ma lo ha fatto nonostante il meno 22,9% di iPad venduti, per un totale di 12,6 milioni. Ciò ha provocato un calo nella quota di mercato complessiva di Apple che cade al 26,8%, dal 32,7% nel 2014. Uno sguardo ai dati storici del primo trimestre Apple mostra che l’iPad è in calo da quando ha raggiunto il picco nel 2013.

La società ha recentemente ammesso che il declino dell’iPad è parzialmente auto-inflitto in quanto i suoi clienti stanno invece optando per iPhone e MacBook. Tuttavia, ci sono fattori aggiuntivi: l’intero mercato dei tablet sta vacillando, l’unico punto luminoso è un crescente interesse in alcuni segmenti di nicchia nella categoria tablet.

tablet-grafico-vendite

“Il rallentamento del mercato a cui abbiamo assistito nell’ultimo trimestre continua a influenzare il segmento dei tablet, ma vediamo alcune aree di crescita che stanno iniziando a materializzarsi”, ha detto Jean Philippe Bouchard di IDC, direttore della ricerca. “I tablet con i dati cellulare stanno superando il resto del mercato, fornendo un flusso di entrate supplementari per aziende e operatori di telefonia mobile. Vengono viste come vere e proprie soluzioni mobili piuttosto che dispositivi da tenere in casa”.

Anche Samsung ha visto i suoi tablet calare del 16,5%, o 1,8 milioni, a 9 milioni di unità vendute il primo trimestre. IDC ritiene che Samsung abbia la possibilità di stabilizzare la propria quota di tablet perchè l’aumento della domanda per tablet con i dati cellulare abilitati andrà a beneficio della società.

“E’ difficile dire se gli smartphone Galaxy S hanno cannibalizzato direttamente i tablet, perché a differenza di iOS, ci sono molte opzioni Android. Anche se le loro vendite di phablet hanno superato le loro vendite di tablet nel 2014”, ha detto Jitesh Ubrani, analista di IDC.

Solo Lenovo ha avuto soddisfazioni: la sua quota di mercato è più che raddoppiata al 5,3%, con un 23% di vendite in più per un totale di 2,5 milioni per il trimestre. “La vasta gamma di prodotti della società – tra cui molti a basso costo – si sta dimostrando popolare in un numero crescente di regioni ed è un marchio che si comporta bene nei mercati PC e Smartphone adiacenti”, afferma il rapporto.

Asus ha subito il più grande declino, ben del 30,6%. Tuttavia IDC ha rilevato che alcuni dei suoi modelli, vale a dire le nuove linee Chi e Fonepad 7, stanno facendo bene nei mercati emergenti.

Il cambiamento più evidente nella lista dei primi cinque è stato la comparsa di LG al posto di Amazon. Il trimestre ha segnato l’ultimo tentativo di LG di spingere veramente i suoi prodotti sul mercato vendendo 1,4 milioni di unità rispetto alle 100.000 dello stesso periodo dello scorso anno. I dati di LG sulle vendite non danno un quadro preciso del miglioramento, ma IDC ha rilevato che la società ha mostrato un’impressionante crescita del 10% rispetto al quarto trimestre del 2014. IDC ritiene che LG abbia utilizzato il suo rapporto con le compagnie telefoniche per contribuire a rafforzare la sua posizione.

“Parlando di LG, la ragione per cui è tra i primi cinque è soprattutto perché sono stati in grado di sfruttare le loro relazioni con i giganti americani delle telecomunicazioni, aumentando così le loro vendite. Adesso non sono molto sicuro che LG abbia un marchio che richiama l’attenzione dei clienti come ha Amazon”, ha detto Ubrani. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti