InternetMicrosoftSoftware

Microsoft fa fuori il brand Internet Explorer

E’ giunta l’ora per Internet Explorer, il browser più calunniato di Microsoft. Presto il marchio non ci sarà (quasi) più. Microsoft aveva già lasciato intendere che il brand Internet Explorer stava per essere demolito. Ora è ufficiale: Chris Capossela, capo di Microsoft per il marketing, ha dato l’annuncio Lunedi alla conferenza Microsoft Convergence. Microsoft sta puntando forte sul suo browser di punta nuovo e veloce, avente nome in codice Project Spartan.

Spartan non sarà associato al marchio Internet Explorer, ha detto Capossela: Microsoft sta infatti lavorando su un nuovo nome e un nuovo brand per il nuovo browser. “Stiamo studiando il nuovo marchio e il nuovo nome per il nostro browser su Windows 10”, ha detto Capossela, secondo The Verge. “Continueremo ad avere Internet Explorer, ma avremo anche un nuovo browser chiamato Project Spartan, il nome in codice del progetto. Dobbiamo ancora dare un nome definitivo al tutto”.

microsoft-elimina-internet-explorer-informatblog

Ma il marchio Internet Explorer non svanirà del tutto: esisterà ancora in alcune versioni di Windows 10, ma Project Spartan sarà il modo principale con cui gli utenti Windows 10 andranno sul web. “Microsoft sta creando un software interessante in questo momento, il software è buono come quelli di Google e Apple. Ma si percepisce ancora minimo di ritardo: stanno cercando di distruggere tale percezione e ciò include il ritiro dei vecchi brand “, ha detto l’analista di BGC Partners Colin Gillis.

E’ la fine di un’era per Internet Explorer, lanciato quasi due decenni fa. Nel corso degli anni, il browser è diventato la rovina della vita quotidiana di alcuni dei lavoratori negli uffici. Una serie di problemi di sicurezza ha inoltre danneggiato il marchio. Microsoft ha lottato per rilanciare Internet Explorer dopo che la concorrenza si è riscaldata con Mozilla Firefox, Google Chrome e il browser Safari di Apple.

Dean Hachamovitch, il manager del team di Internet Explorer, ha lasciato l’azienda nel mese di dicembre. “A un certo punto Internet Explorer aveva una quota di oltre l’80% del mercato dei browser, ma con l’esplosione della mobilità, tale quota di mercato si è ridotta al 30%”, ha detto l’analista di S & P Capital Angelo Zino. “La piattaforma non è il massimo sui dispositivi mobili ed è lì che ai giorni d’oggi si pone la maggiore attenzione”.

Project Spartan funziona su cellulari, tablet e personal computer, ma è stato espressamente realizzato per l’esperienza mobile, secondo Microsoft. Avrà anche l’assistente personale vocale Cortana. “Project Spartan è il browser di nuova generazione di Microsoft, costruito solo per Windows 10”, ha detto Microsoft in un comunicato inviato via email. “Continueremo a rendere Internet Explorer disponibile su Windows 10 per le imprese e per altri clienti che richiedono il supporto del browser legacy”.

Riuscirà Microsoft a recuperare il terreno che ha perso? Dovrà fornire una migliore esperienza di ricerca, una maggiore velocità e nuove funzioni per i dispositivi mobili come i comandi vocali, in pratica prendendo in prestito una pagina di Google Chrome, dicono gli analisti. Anche così, “sarà davvero difficile per loro”, ha detto Zino. Ma ha aggiunto: “Sicuramente è un tentativo che dovevano fare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti