Microsoft

Microsoft inizia a collaborare con Dropbox

Microsoft e Dropbox hanno annunciato una partnership che vedrà Dropbox sostenere meglio la suite di Microsoft Office, e Microsoft si integrerà meglio nel prodotto dell’azienda che si occupa di memorizzazione dei dati sul web. La notizia arriva dopo che Box, un’altra società di storage enterprise, si è integrata con Office 365 e OneDrive ha migliorato la sua gamma di prodotti con spazio illimitato.

L’accordo è composto da quattro parti principali: la modifica rapida di documenti di Office dalla app mobile Dropbox, l’accesso ai documenti Dropbox da applicazioni Office, la condivisione di link Dropbox di app Office, e la creazione di applicazioni Dropbox per i telefoni Microsoft.

microsoft-dropbox-informatblog

Sorpresi? C’è dell’altro. Microsoft può ancora vendere Office 365 senza spingere Microsoft OneDrive o Business, permettendo così di venderlo come un’opzione aggiuntiva per la miriade di aziende e privati ​​che utilizzano Dropbox. Entrambe le società sono rimaste impressionate da quanto grande è la community degli utenti Dropbox – 80.000 imprese che pagano e centinaia di milioni di utenti. Non che Microsoft non avrebbe preferito che Microsoft OneDrive fosse più grande, è solo che non lo è.

In quanto tale, Microsoft non può prescindere da Dropbox: è di fatto l’azienda più importante di memorizzazione su cloud, e Microsoft vuole proprio andare nella direzione del cloud; se Office 365 sarà il principale prodotto cloud per la produttività, che altra scelta avrebbe dovuto fare?

Parliamo di sviluppi. Box ha dovuto integrare la propria tecnologia, ma questo accordo è molto di più. Entrambe le società hanno rifiutato di commentare se una delle parti avrebbe pagato l’altra, ma la sensazione è che Microsoft abbia pagato Dropbox: le app Windows Phone non spuntano fuori dal nulla, Microsoft sta corteggiando Dropbox. Se usate Office e vi trovate in una grande azienda che vuole usare una opzione di cloud storage popolare, eccola qui.

Se gli introiti di Office 365 stanno andando a sostituire le vendite tradizionali di Office, c’è poca scelta. Microsoft può comprare Dropbox – una bella idea, avvelenata dallo spettro del passato di aQuantive – o può collaborare con una società che sta cercando di uccidere, che è probabilmente più conveniente. Eccoci qui.

Tenete a mente che i venture capitalist ubriachi della Silicon Valley diranno che Dropbox è redditizia. Forse. Ma almeno per ora ha un potente, nuovo, amico a breve durata. A Microsoft non piace perdere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti