Caricamento in corso...
Microsoft-Nokia

Microsoft sacrifica Lumia 950 e 950 XL per il Surface Phone?

Annunciati nel mese di ottobre 2015 e rilasciato un mese dopo, i Lumia 950 e Lumia 950 XL non hanno certo fatto sfracelli. I primi smartphone con Windows 10 occupano un punto curioso nei piani di Microsoft: cosa ci dicono sulla direzione dell’azienda e su come si avvicinerà ai cellulari nel 2016?

Essi rappresentano la fine di una linea di smartphone che risale al 2011, con la decisione di Nokia di scegliere Windows Phone e non Android, e rappresentano anche gli atteggiamenti futuri di Microsoft per gli smartphone come un singolo elemento di una vasta gamma di dispositivi Windows 10 che condividono informazioni, applicazioni e dati attraverso i servizi cloud di Microsoft. I prossimi dispositivi potranno essere i Surface Phone?

microsoft-surface-phone-informatblog

I due smartphone si basano su glorie passate, e indicano la via verso un potenziale futuro, ma purtroppo è un futuro molto incerto. Vedere il CEO Satya Nadella che si concentra sul software e sui servizi cloud significa che molte delle funzionalità che hanno reso Windows Phone una scelta lodevole in passato non sarà più un’esclusiva dei telefoni Lumia. È possibile eseguire i servizi cloud di Microsoft su iOS e Android con facilità, e in termini di processo e flusso di lavoro c’è poca differenza tra Windows, Android e iOS.

Windows Phone ha scelto un modo diverso per design, interfaccia e dati. Ha offuscato il confine tra app e dati trattati come collante primario. Si può passare tra le app con facilità, e non c’è bisogno di essere consapevoli del fatto che si passa attraverso sei diverse app con sei diversi tocchi a causa del deep linking tra di esse. Si arriva dove occorre andare in fretta e con poca confusione.

In questo senso, mentre Windows 10 porta con sè molti dei principi delle interfacce utente dei moderni computer da scrivania, Windows 10 sullo smartphone è un passo indietro verso l’omogeneizzazione, l’accettazione che le app insabbiate ora governano e i dati sono secondari. Dovrebbero essere le applicazioni, e non i dati, ad essere personalizzati per offrire milioni di scelte. Il dominio di Android e l’accettazione di iOS sul mercato significa che Microsoft ha continuato ad annacquare la sua interfaccia utente mobile che ha debuttato in Windows Phone 7 ad essere ‘un’alternativa’, piuttosto che il leader.

Il Lumia 950 e 950 XL rappresentano il punto finale di questo pensiero, un’interfaccia utente unica logorata dalla concorrenza fino a quando non è diversa da quella che essa stessa sfida. Le widget che ora sono etichettate come Live Tiles sono molto simili a icone per lanciare un app che utili per presentare una continua evoluzione dei dati. Il flusso tra le applicazioni preveded di tornare alla schermata iniziale per avviare l’applicazione successiva, la moltitudine di menu sono buoni per gli smanettoni ma strappa via il successo minimalista delle versioni precedenti. Windows 10 offre tutto ciò che la concorrenza può offrire, e lo porta sul desktop. Il suo aspetto sul cellulare sembra più come un ripensamento, una riflessione povera sulla ambizioni di Microsoft. Tecnicamente si tratta di un grande risultato su un dispositivo mobile, ma in cambio del suo cuore e della sua anima. Vediamo come si comporteranno i Surface Phone.

Parlando di specifiche, entrambi gli smartphone sono solidi rispetto alla concorrenza: il 950 XL è dotato di un processore Snapdragon 810, 3GB di RAM, 32 GB di spazio di archiviazione, supporto microSD e una batteria rimovibile. Il più piccolo 950 ha un processore leggermente più piccolo (lo Snapdragon 808), ma tutto il resto rimane inalterato. Usandoli entrambi non si trova alcun beneficio di prestazioni notevole nel 950 XL rispetto al 950; dal punto di vista del sistema operativo, Windows Phone è sempre stato un sistema operativo efficiente, e il salto a Windows 10 ha mantenuto questa capacità. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Loading...
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti