MicrosoftSoftware

Microsoft prende sul serio i pagamenti in Windows 10

Microsoft sta cercando di rilanciare il suo Windows Wallet, un’applicazione per i pagamento mobile che memorizza le carte di credito, i coupon e le informazioni ad esse correlate per migliorare sia i pagamenti in negozio che i pagamenti online con dispositivi Windows. La comunicazione arriva da un alto dirigente di Microsoft durante un’intervista congiunta con The Verge e Recode.

Windows avrà un portafoglio. Lo avete visto sui telefoni prima. Abbiamo intenzione di continuare a lavorarci”, ha detto Joe Belfiore, vicepresidente aziendale del gruppo di sistemi operativi della società. “Stiamo pensando alla vasta gamma di scenari di pagamento”.

microsoft-windows-pagamenti-informatblog

Belfiore non ha detto quando esattamente un nuovo portafoglio per i pagamenti mobili srà lanciato, nè se utilizzerà NFC o un’altra tecnologia di pagamento, ma ha citato Windows Hello, la nuova tecnologia di riconoscimento facciale di Microsoft introdotta con il sistema operativo Windows 10, come un buon esempio di “tipo di tecnologia per l’autenticazione che costruiremo nei dispositivi per effettuare i pagamenti in modo migliore”. E’ probabile che qualsiasi tipo di nuova applicazione per i pagamenti su Windows Phone utilizzerà NFC, la stessa tecnologia di Windows Wallet per Windows Phone 8.1.

Tuttavia, tale applicazione non è diventata davvero un’applicazione vera e propria per i pagamenti mobile. Come Apple, Samsung, e qualsiasi altra società di tecnologia che ha cercato di lanciare una app per pagamenti mobili totalmente utilizzabile, Microsoft è consapevole del fatto che entrare nel mondo dei pagamenti mobili ha le sue sfide, soprattutto in alcuni mercati.

“I pagamenti mobili portano con sè una massiccia rete di complessità“, ha detto Belfiore. “Credo che la sfida più grande sia capire quale effetto farà sì che le cose giuste si possano allineare, in modo da permettere agli utenti di utilizzare i pagamenti mobili correttamente in tutti i luoghi che lo desiderano. E questo è un problema ancora irrisolto.” (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti