Caricamento in corso...
PS4Xbox One

Microsoft e Sony dovranno uccidere le loro console per salvarle?

La morte delle console è stata notevolmente esagerata. Abbiamo parlato molto a proposito della fine delle scatole da soggiorno appena prima del lancio di PS4 e Xbox One. La storia è questa: il concetto tradizionale di console è obsoleto e messo sotto assedio dal gioco mobile, dalle microconsole, dallo streaming e anche dai PC. La PS4 e la Xbox One sono dinosauri, tale argomento, dice, e la nicchia che occupavano semplicemente non esiste più. La PS4 (e anche la Xbox One, in misura minore) hanno sonoramente dimostrato che l’argomento è del tutto sbagliato, dimostrando che la gente effettivamente vuole una console che stia sotto i loro televisori, anche nel 2016. Le console non stanno morendo: sono più forti che mai.

Ma la cosa sta ancora accadendo. Le console stanno morendo, e Microsoft e Sony sono coloro che le uccideranno.

xbox-one-ps4-informatblog

Ci sono state diversi rapporti di una PS4 4K che è vicina ad essere confermata, e possiamo aspettarci un annuncio vero e proprio molto presto. Si tratta di un aggiornamento senza precedenti a metà generazione, ma Sony non sarà la sola in questo processo. Microsoft non ha detto nulla di specifico, ma Phil Spencer ha fortemente accennato alla possibilità di un aggiornamento per Xbox One, e sembra terribilmente improbabile che l’abbia menzionato se la società non ci sta lavorando sopra. E, proprio lì, abbiamo una grande rottura dall’idea di base di console come è stata tramandata da Atari. Ora abbiamo a che fare con una generazione di console che ha almeno due – e probabilmente più – varianti su una singola macchina. O, più precisamente, non abbiamo più una generazione di console.

Una console è praticamente impossibile da definire senza essere piuttosto arbitrari su di essa, ma ciò che le aziende stanno descrivendo inizia a sembrare molto, molto più simile a un PC o ad un prodotto Apple di quanto non sia stato in passato. Avremo lo stesso gioco in esecuzione su due Playstation differenti, avremo inevitabilmente impostazioni grafiche (automatiche o manuali), avremo solo un po’ più di quelle decisioni che arrivano con un hardware diverso. E’ un piccolo, ma estremamente importante cambiamento: la console non è più solo la scatola che fa funzionare i giochi e basta. E questa magia essenziale è stata persa a favore di un modello in stile iPhone. Essa porta questo dispositivo un po’ donchisciottesco molto più al passo con il vasto mondo dell’ elettronica di consumo.

La motivazione da parte di Microsoft e Sony è abbastanza chiara: si evita di diventare obsoleti, si sfruttano le nuove tecnologie, e si vendono due console a qualcuno a cui se ne sarebbe venduta solo una. Ma entrambe perderanno un po’ della sicurezza fornita con l’avere questo mondo delle console tutto per loro (insieme a Nintendo).

Si tratta di una mossa intelligente, in ultima analisi – stanno precluderndo possibili mosse da concorrenti nello spazio delle console, e stanno elevando la console a qualcosa di meno idiosincratico allo stesso tempo. Ma si tratta di una scommessa molto diversa ora. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Loading...
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti