Guide

I migliori 3 tablet-laptop ibridi per Windows 10

E’ ufficiale: Windows 10 arriva il 29 luglio. Se siete già in possesso di un computer Windows 8, il nuovo sistema operativo di Microsoft dovrebbe eseguire su di esso senza problemi. Inoltre, se possedete sistemi che eseguono Windows 7 o 8, avrete diritto ad un aggiornamento a Windows 10 gratis.

Ma se siete alla ricerca di un nuovo PC Windows e viaggiate di frequente, potrebbe essere il momento di dare un’occhiata ad un tablet-laptop ibrido con Windows. Tali macchine sono sul mercato da alcuni anni ormai, e i modelli più recenti hanno risolto la maggior parte dei problemi degli ibridi precedenti.

Recentemente abbiamo provato (e consigliamo) tre ibridi tablet-laptop che eseguiranno Windows 10: stiamo parlando del Microsoft Surface 3, del Lenovo ThinkPad Yoga 12 e del Dell Venue 11 Pro 7000 Series. Ve li consigliamo tutti e tre, ma diamo uno sguardo per vedere quale sistema potrebbe essere giusto per voi.

migliori-ibridi-laptop-tablet-informatblog

Microsoft Surface 3

E’ difficile non amare il tablet Surface 3 di Microsoft, sopratutto visti i progressi fatti rispetto ai primi due Surface. Entrambi eseguivano Windows RT, una versione di Windows che poteva gestire solo le app, e non le effettive applicazioni desktop di Windows. RT di Windows era uno di quei grandi errori che Microsoft continuato a fare fino che l’attuale CEO Satya Nadella è salito in cattedra.
 
Il nuovo Surface 3 è un tablet Windows 8.1 con un display da 10,8 pollici bello e luminoso, con risoluzione di 1920 x 1280. Quando si aggiunge l’opzionale eccellente tastiera Type Cover e lo stilo Surface Pen, si trasforma in un computer touchscreen altamente portatile. Gli appassionati del design apprezzeranno le sei scelte della tastiera e le quattro scelte della penna.

La tastiera Type Cover è tra le migliori tastiere mai usate su un tablet. Corrispondentemente, la Surface Pen è sorprendentemente utile, specialmente se combinata con la app di Microsoft OneNote per prendere appunti. Ad esempio, toccando la parte superiore della penna si fa partire automaticamente OneNote sul Surface.

Grazie al suo peso, il Surface 3 è facile da trasportare ovunque. Con la tastiera aggiunta, pesa meno di 1kg, di gran lunga il più leggero tra queste tre macchine.

Il Surface 3 si comporta bene nei compiti di lavoro quotidiano come la navigazione Web, la scrittura di e-mail, l’editing di fogli di calcolo e tutto il resto. Con un processore a bassa potenza Intel Atom x7-Z8700, tuttavia, non è consigliabile usare il Surface 3 come computer principale o per l’utilizzo in attività ad alta intensità come l’editing video.

Alcuni avvertimenti: Per far diventare un Surface 3 un computer portatile solido con Windows, dovreste prendere in seria considerazione il modello con 4 GB di memoria e 128 GB di memoria flash-drive. (La versione base include 2 GB di memoria e 64 GB di spazio di archiviazione)

Pensateci: se prevedete di utilizzare la macchina per diversi anni, 2GB alla fine (se non immediatamente) saranno pochi, e non è possibile aggiungere la RAM del Surface più avanti. Inoltre, ricordiamo che non avrete 128GB pieni di spazio di archiviazione, ma solo circa 93GB, secondo Microsoft. È possibile comunque aggiungere spazio tramite lo slot microSD.

Quando si aggiunge la Type Cover, che è necessaria, e la Surface Pen, che invece non lo è ma fa comodo, il costo totale sale nettamente. Potreste facilmente pensare di acquistare un computer portatile Windows molto meno costoso, come l’HP Pavillion x2 con 4 GB di memoria, un disco rigido da 500GB e una tastiera staccabile.

Altre considerazioni: potreste voler dare un’occhiata al Surface Pro 3, che offre uno schermo più grande e un processore più potente, tra gli altri elementi di differenziazione. Si paga di più, naturalmente: un Surface Pro 3 con la stessa memoria, spazio e accessori del Surface 3 sopra citato costa circa 350 euro in più.

Una cosa da tenere a mente: pare che Microsoft preveda di annunciare un Surface Pro 4 questa estate, forse intorno a luglio quando Windows 10 sarà rilasciato, ma nessun dettaglio certo è ancora ufficiale.

Dell Venue 11 Pro 7000

Il tablet Venue Pro 11 di Dell è vicino in spirito al Surface 3, in quanto la sua tastiera opzionale si collega magneticamente al tablet. Il tablet di Dell non è tanto elegante quanto il Surface 3, e nemmeno così leggero. Con la tastiera, il Dell Venue Pro 11 pesa il doppio del Surface, ma ancora meno rispetto al tablet Lenovo (il terzo contendente che esamineremo tra poco).

Dell ha assemblato una macchina seria che può funzionare bene da computer portatile, tablet, o anche da desktop (con un dock opzionale), a un prezzo base che è solo poco più alto del Surface 3. Il modello immediatamente successivo invece, leggermente più costoso, ospita 4 GB di memoria, un disco da 128GB per l’archiviazione, un processore Intel Core M-5Y70 e un touchscreen da 10,8 pollici con risoluzione di 1920 x 1080. La tastiera Dell Venue Mobile attualmente costa circa 100 euro, e il Dell Active Stylus costa circa 30-40 euro. Tenete in considerazione l’acquisto di entrambi questi componenti.

I tasti sulla tastiera sono ben distanziati, e vanno bene (anche se un po’ angusti) per lunghi periodi di battitura. E’ anche più pesa della Cover Type di Microsoft, fornendo un equilibrio più comodo quando si usa in modalità laptop tra lo schermo e la tastiera. Poichè la tastiera di Dell contiene una batteria, è necessario ricaricarla, e la porta di ricarica è posizionata goffamente nella fessura di collegamento col tablet: problemi minori, ma vale la pena menzionarli.

Ma ecco il punto di forza: se avete bisogno di una macchina portatile che duri tutto il giorno, il Dell Venue 11 Pro 7000 è quella da battere. Ha la massima autonomia di questi tre ibridi tablet-laptop, soprattutto quando usato in combinazione con la tastiera mobile, che secondo Dell può aumentare la durata della batteria del tablet fino al 50%. Alcune recensioni su internet segnalato un totale di quasi 10 ore di autonomia con solo il tablet e quasi 16 ore se utilizzato con la tastiera.

Lenovo ThinkPad Yoga 12

Lenovo ThinkPad Yoga 12 è, a differenza del Surface 3, un computer portatile. Più precisamente si tratta di un ultrabook, un computer portatile leggero. Anche se non si può staccare la sua tastiera, come è possibile con quella del Surface, si può piegare completamente all’indietro il bel touchscreen 12,5 pollici, mettendo il portatile in modalità di visualizzazione tablet. In questa modalità, i tasti della tastiera fisica vanno in letargo, sostituiti da una tastiera su schermo.

Come gli altri portatili della serie Lenovo Yoga, si può anche mettere il dispositivo a forma di tenda, appoggiando lo schermo e la tastiera dietro di esso, una posizione ideale per guardare video o far vedere presentazioni a un cliente posto di fronte a voi. E’ un trucco interessante, che offre diversi modi per utilizzare il computer anche se anche alcuni computer portatili di altri produttori lo offrono. Inoltre, la tastiera fisica è coerente con le tastiere ThinkPad di alta qualità Lenovo.

Il ThinkPad Yoga 12 base costa quasi 900 euro sul sito di Lenovo. Esso comprende 4 GB di memoria, un disco rigido da 500GB a 7.200 giri al minuto e un processore Intel Core i3-5005U scattante. Nel grande schema delle cose, il processore Atom del Surface è il meno potente dei tre; il chip Intel Core i3 è il migliore, mentre il processore di Dell cade più o meno in mezzo ai due.

Lenovo offre una penna digitizer, che ha il suo slot di memoria nel computer portatile. Ma per averla è necessario aggiornare lo schermo del ThinkPad Yoga 12 da una risoluzione 1366×768 ad una risoluzione di 1920×1080, ad un costo di circa 250 euro, il che porta il totale del sistema a oltre 1000 euro, ben più del Surface 3 con tastiera e penna. Sebbene il display di fascia alta sia fantastico, forse non vale la pena spendere tutti questi soldi se siete principalmente solo interessati ad avere uno stilo.

Il ThinkPad Yoga 12 è il più pesante e più grande dei tre. La durata della batteria è buona, di solito poco meno di 8 ore, più o meno come il Surface 3, ma non buona come il Dell Venue Pro 11.

Conclusioni

Se il valore ultra-portabilità è quello che vi serve, prendete il Surface 3. Se siete in cerca di una macchina che durerà tutto il giorno (e più), il Dell Venue Pro 11 è la scelta che fa per voi. Più interessati ad un tradizionale, ma altamente flessibile, computer portatile? Puntate sul ThinkPad Yoga 12. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti