PS4

I migliori giochi PS4 del momento

Con ogni nuova Playstation, Sony migliora la formula con grafica innovativa e più potenza di elaborazione. La Playstation 4 è facilmente il salto più imponente nella storia delle console, portando una connettività costante ed elaborazione ad alta potenza ad una folla di giocatori che non si impressiona ormai più.

Ma tra i sempre più titoli in uscita su PS4, abbiamo selezionato alcuni dei nostri preferiti, giochi che sazieranno il vostro grilletto facile, vi faranno divertire e forse vi tireranno fuori una lacrima o due. La lista è divisa omogeneamente tra titoli prettamente next-gen e titoli più underground e giochi per PlayStation Plus.

Destiny

Cadendo da qualche parte tra World of Warcraft e Halo, Destiny è in parti uguali sparare agli alieni, girare per missioni, e aggiornare l’equipaggiamento. Con multiplayer esplosivo ma equilibrato e un sacco di contenuti end-game soprattutto raid di alto livello, in Destiny le esperienze soddisfacenti non mancano proprio. Il gioco vi può lasciare interdetti a volte, ma se siete un fan di come equipaggiare al meglio i personaggi e combattere boss estremamente difficili, troverete un sacco di divertimento.

The Binding of Isaac: Rebirth

In questa fiaba oscura e inquietante, sangue feci e pus sono gli elementi fondamentali della vita e della morte. Armati con le lacrime come arma primaria, dovrete piangere attraverso eserciti di feti abortiti e ragni squilibrati mentre raccogliete utili potenziamenti per sopravvivere a questo gioco squilibrato. La difficoltà folle rende ancor più soddisfacente superare le sfide in The Binding of Isaac: Rebirth.

Don’t Starve

La premessa di questo gioco è semplice: non morire di fame (Don’t Starve si traduce proprio così). Quando si muore è game over, e si muore molto. Creazione di oggetti, costruzione ed esplorazione sono tutte attività pericolose in cui è necessario impegnarsi per sostenere se stessi, ma tutto può andare storto in un batter d’occhio. E succede, fidatevi. Lo stile artistico è pienamente concreto e unico, uno stile stile 2D / 3D disegnato a mano che segna un cambiamento positivo, soprattutto per le scene di gioco attualmente ossessionate con grafica a 8 e 16-bit.

Final Fantasy XIV: A Realm Reborn

Final Fantasy XIV: A Realm Reborn si trova davvero a suo agio sulla console di Sony. I controlli e la grafica sono stati rimasterizzati per la PS4, e il risultato è un MMO che va liscio ma è complesso, con una personalizzazione del personaggio profonda e un sacco di contenuti end game. Come bonus aggiuntivo, se si dispone di una PS Vita è possibile utilizzare la Remote Play per finire un attacco quando dovrete prendere un autobus.

Spelunky

Ci sono un sacco di modi per morire in Spelunky, e se fate attenzione e pianificate ogni passo del vostro cammino verso Olmec, potreste trovarli tutti. Terribilmente difficile non iniziare a descrivere le trappole, i nemici, e le insidie che dovete affrontare via via che proseguite nella vostra avventura. Ha anche un ottimo supporto multiplayer, in modo che possiate guardare i vostri amici morire in tanti modi orribili.

Hotline Miami

È sbagliato uccidere, se si sta uccidendo i cattivi? Hotline Miami fa una domanda ad alto contenuto morale, ma non vi dà il tempo di rispondere prima di gettarvi in un covo di mafiosi con nient’altro che una mazza da baseball. E’brutalmente violento, anche mascherato dietro la sua grafica colorata e vecchio stile. La soddisfazione deriva dal completare ogni livello ripetutamente fino a trovare il percorso ideale, lasciandovi dietro gangster sanguinosi. Ogni nuovo livello è un puzzle di carneficina.

Infamous: Second Son

Infamous: Second Son espande le parti migliori dei primi due giochi, spostando l’ambientazione a Seattle e creando di una stella il cui potere è quello di incanalare i poteri degli altri. Eroe o cattivo? Dovete decidere, ma in entrambi i casi dovrete piegare Seattle alla vostra volontà. Nuovi poteri e animazioni incredibili dei personaggi spostano questo gioco su un altro piano rispetto al resto della serie, ma gran parte del gameplay rimane invariato.

Mercenary Kings

Mercenary Kings è così denso di azione frenetica che potrete pensare che si tratti di un film di Michael Bay. E’come Contra che incontra Borderlands, con un’azione a sparatutto in 8 direzioni a scorrimento laterale completata da un ricco sistema di creazione oggetti in stile RPG. Non lasciate che il look d’altri tempi vi trattenga: c’è abbastanza carne al fuoco per continuare a ritornare ore ed ore a giocare attraverso oltre 100 missioni esplosive e stimolanti. E’ tutto definito da un’estetica vecchia scuola che i fan di Metal Slug e Mega Man troveranno molto attraente.

The Last of Us Remastered

Quando qualcuno descrive un gioco come un thriller emotivo e zombie post-apocalittico si potrebbe gemere e girare gli occhi chiedendosi: “Ancora???” Ma The Last of Us è qualcosa di nuovo e rinfrescante. C’è una storia che vi lascia avvolgere, un mondo post-apocalittico che si sente comunque troppo vicino al nostro, e personaggi le cui lotte sono così reali che vi mettono a disagio, il tutto con un gameplay stellare avvolto attorno ad esso.

Rogue Legacy

Rogue Legacy non è qui per aiutarvi o farvi sentire meglio, e non prova pietà verso la vostra ripetuta sconfitta. Anche dopo ore di pratica, vi ritroverete ancora nel castello a morire subito. Il sistema di genealogia unico accoppiato con un profondo albero delle abilità in stile RPG offre ore di diversi vincoli e sfide combinati in modi nuovi e intriganti. Ogni dettaglio minuto può significare la differenza tra ricchezze eterne e una morte cruenta, ma ci piace moltissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti