News

Nanotubi di carbonio per i futuri transistor

La realizzazione di computer in silicio sempre più potenti nel futuro manifesterà dei problemi in quanto questo materiale difficilmente può andare oltre un certo grado di miniaturizzazione. Ecco che l’università di Stanford ci può venire in aiuto attraverso i nanotubi di carbonio.

nanotubi di carbonio

Il team di ricerca dell’Università Stanford guidati dai professori Subhasish Mitra e H.-S. Philip Wong è riuscito a costruire il primo sistema formato da transistor costruiti con nanotubi di carbonio. Il carbonio è un materiale dal quale ci si aspetta tanto nel futuro nel campo dell’elettronica. Questi nanotubi di carbonio sono talmente piccoli e sottili che, come si vede dall’immagine qua in basso, riescono ad ingabbiare addirittura il nostro DNA.

News_Nanotubi_dna

I risultati di calcolo ottenuti da questo computer sperimentale non sono certo paragonabili a quelli dei moderni computer, però sono molto incoraggianti per il futuro perché aprono una strada verso quello che sarà l’elettronica del domani. Il pc costruito dai ricercatori di Stanford è composto da 178 transistor in nanotubi di carbonio e di un suo sistema operativo che per il momento permette di eseguire solo semplici operazioni.

Queste tecnologie non saranno pronte non prima di 10-15 anni, però ci fa piacere constatare come lo sviluppo non si fermi mai e come l’umanità sia in constante progresso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti