Dati finanziariNews

Nintendo licenzia 320 dipendenti in Europa

320 persone, tra cui 130 dipendenti a tempo pieno di Nintendo of Europe e 190 consulenti che hanno lavorato per il dipartimento di localizzazione attraverso un’agenzia di leasing, saranno licenziati dal 31 agosto. “Come già comunicato nel mese di giugno 2014, circa 130 dipendenti a tempo indeterminato verranno rilasciati da Nintendo of Europe (Germania) alla fine di agosto 2014 come parte di un insieme di misure per consentire al business europeo di adattarsi al mercato che cambia rapidamente”, così Nintendo ha spiegato in una dichiarazione a Kotaku.

“Come misura separata, Nintendo of Europe sta riorganizzando il suo dipartimento europeo di localizzazione, dove attualmente utilizza un certo numero di lavoratori temporanei in attività di traduzione e di prova, al fine di aumentare la flessibilità e l’efficienza economica a lungo termine”, prosegue il comunicato, affermando che altri lavoratori sarebbero stati portati all’interno provenienti da aziende di terze parti.

Il capo di Nintendo Satoru Iwata si era espresso contro i licenziamenti in passato. “Se riduciamo il numero di dipendenti per ottenere migliori risultati finanziari a breve termine, il morale dei dipendenti diminuirà”, disse durante una conferenza nel luglio del 2013. “Io sinceramente dubito che i dipendenti che temono di essere licenziati saranno in grado di sviluppare software che potrebbero impressionare persone in tutto il mondo”.

“So che alcuni datori di lavoro pubblicizzano il loro piano di ristrutturazione per migliorare le loro prestazioni finanziarie lasciando andar via alcuni dei loro dipendenti”, ha continuato, “ma a Nintendo, i dipendenti creano preziosi contributi nei loro rispettivi campi, quindi credo che licenziare un gruppo di dipendenti non contribuirà a rafforzare attività di Nintendo nel lungo periodo”… le ultime parole famose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti