WiiU

Nintendo annuncia che Zelda Wii U non uscirà nel 2015

I fan speravano che Nintendo avrebbe consegnato loro Zelda Wii U alla fine del 2015, ma molti erano segretamente (o apertamente) scettici. Oggi gli oppositori hanno avuto ragione: il produttore Eiji Aonuma ha annunciato su Facebook per uscire nel 2015 “non è più una priorità”.

Aonuma apre il video che spiega come il team è al lavoro dando vita alla più grande e migliore esperienza di Zelda, dovuta in parte ad un mondo più aperto che mai. Egli dice che piuttosto che costringere il gioco ad uscire entro l’anno, si prenderanno altro tempo per assicurarsi che arrivi al suo pieno potenziale e che sarà “il miglior gioco possibile“.

zelda-wii-u-rimandato-informatblog

Ovviamente nessuno chiede a Nintendo di far uscire un gioco di Zelda subito se con più tempo possono fare ancora meglio. Se il gioco uscirà all’inizio del 2016 non sarà la fine del mondo, e certamente sarà una mossa vincente se il titolo sarà valido come tutti sperano. Ma l’anno scorso sembrò improbabile che Nintendo avrebbe fatto uscire Super Smash Bros. per Wii U entro la fine dell’anno, ma ce l’hanno fatta, quindi la speranza è che Zelda possa fare lo stesso nel 2015. Oggi non è nemmeno aprile, ed è già chiaro al team cheavrebbero dovuto abbreviare il progetto per concluderlo entro i prossimi otto mesi.

Anche se il ritardo è un bene per il gioco in sé, fa preoccupare per ciò che questo comporta al Wii U per il 2015. Il 2014 è stato un anno infernale (in senso positivo) per la console di Nintendo, che ha visto il rilascio dei due maggiori titoli di qualsiasi generazione Nintendo, Mario Kart e Super Smash Bros, a fianco di giochi come Bayonetta 2, Captain Toad e Hyrule Warriors. Ma ora nel 2015, la potenziale lista di successi di Nintendo si sta restringendo.

Oltre Mario Kart e Super Smash Bros, Zelda è di solito il terzo fiocco di qualsiasi generazione di console Nintendo, e stava per essere un grande punto per il 2015 del Wii U. Ma ora, Nintendo deve sperare di poter rilasciare un altro grande titolo. Probabilmente i due giochi più grandi all’orizzonte per Nintendo sono Starfox e Splatoon. Starfox non ha una data di uscita certa, mentre Splatoon uscirà in maggio. Un vero gioco di Starfox si vede fin dal Nintendo 64, dunque oggi ha il potenziale per essere grande, anche se non è da escludere un ritardo neanche lì dato che non abbiamo visto praticamente nulla ad oggi. E anche se venisse rilasciato, sarebbe difficile che riuscisse a battere Mario Kart, Super Smash Bros o un potenziale Zelda in termini di vendite.

Nel frattempo, Splatoon è una nuova idea Nintendo, con un multiplayer all’ultimo sangue. Potrebbe benissimo rivelarsi delizioso, ma essendo un qualcosa di nuovo dovrà essere veramente speciale per riuscire a fare grossi numeri.

Detto ciò, non è detto che Zelda Wii U spostato al 2016 sia una perdita enorme per Nintendo. Il problema è che quando si guarda le cose come stanno e dove stanno andando, è difficile vedere un Wii U in crescita senza una sfilza costante di grandi successi. Anche l’anno scorso Nintendo ha avuto una vasta collezione di grandi esclusive, ma non hanno permesso di sconfiggere i concorrenti Sony e Microsoft. E già quest’anno Xbox One ha Ori and the Blind Forest e PS4 ha l’asso nella manica Bloodborne. Nintendo, finora, ha un gioco di Kirby trascurato e il poco brillante Mario Party 10.

Non sappiamo se Starfox o Splatoon saranno sufficienti a far cambiare le cose per il Wii U, e a questo punto, Zelda Wii U davvero sembra l’unico titolo in grado di farlo. Le cose potranno solo peggiorare con le vacanze, quando Nintendo sarà lasciata fuori al freddo dato che praticamente ogni software house la evita, e sarà fortunati se riuscirà a produrre uno o due giochi esclusivi senza dover puntare su Mario Kart o Super Smash Bros.

Forse Nintendo ha qualcosa in serbo per il 2015, ma questo ritardo di Zelda rende purtroppo quest’anno particolarmente desolante per il Wii U.

Aggiornamento: Nintendo ha annunciato che Zelda Wii U non sarà nemmeno presentato all’E3 di quest’anno. Wow. (Fonte).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti