Altri tablet

Nokia N1, il primo tablet Android dell’azienda finlandese

Dopo aver venduto la sua divisione mobile a Microsoft all’inizio di quest’anno, Nokia è tornata nel mondo dell’elettronica di consumo con il lancio del tablet Android N1. Ramzi Haidamus, presidente di Nokia Technologies (la divisione industriale di ricerca di Nokia) ha descritto il tablet N1 come buono come l’iPad mini, ma più economico. Il design è chiaramente ispirato dispositivo di Apple, in quanto ne imita i 7.9 pollici e la risoluzione 2048×1536 schermo, ma gli interni sono molto diversi: il tablet Nokia N1 utilizza un processore quad core a 64-bit Intel Atom Z3580 a 2.3GHz.

Questo è accoppiato con 2 GB di RAM e 32 GB di memoria interna. Ci sono due fotocamere, una da 8 megapixel posteriore una da 5 megapixel anteriore. La connettività è data da Wi-Fi a 2.4GHz e 5GHz 802.11 a/b/g/n/ac. Sarà anche leggermente più leggero dell’iPad mini, attestandosi a 318 grammi contro i 331 del rivale Apple, anche se la batteria dell’N1 è molto più piccola, a 18.5Wh rispetto ai 23,8. Il N1 sarà anche uno dei primi dispositivi ad utilizzare il nuovo connettore USB tipo C.

nokia-n1-tablet-mano

Il tablet Android 5.0 eseguirà Nokia Z Launcher, che consente agli utenti di cercare applicazioni dalla schermata iniziale scrivendo le prime lettere dell’app su un punto vuoto dello schermo. Questo comando farà partire immediatamente una ricerca. Nel tempo, il launcher impara quali applicazioni si utilizzano di più e crea icone di collegamento a loro.

Il dispositivo sarà lanciato in Cina in tempo per il Capodanno cinese (19 febbraio 2015). Sarà poi lanciato in Russia e in alcuni mercati europei. Nell’accordo con Microsoft, Nokia ha venduto la sua capacità di produzione, quindi questa volta l’azienda finlandese costruisce direttamente il tablet, ma è in partnership con Foxconn. Foxconn costruisce hardware per molte aziende, tra cui l’iPhone di Apple, ma questo accordo con Nokia sembra un po’diverso.

nokia-n1-tablet-informatblog

Nokia sta dando in licenza il suo marchio a Foxconn, ed è sempre Nokia la responsabile della progettazione industriale e dello Z Launcher, mentre tutto il resto è responsabilità di Foxconn, dalla progettazione alle vendite al servizio clienti. Il tablet N1 sarà costruito e venduto da Foxconn utilizzando il nome di Nokia. Foxconn pagherà una royalty per poter utilizzare il marchio.

Con questo tablet, l’azienda sta per entrare nel fiorente mercato spietato dei cloni dell’iPad. Nokia dice che i lavori sul tablet N1 iniziato il lunedi successivo alla chiusura dell’affare con Microsoft. La scelta di Android è stata dettata dalla volontà di utilizzare Z Launcher. Si tratta di un settore competitivo, e se il nome di Nokia e l’apparente attenzione al design e alla qualità saranno sufficienti per dare all’azienda un vantaggio è di certo la più grande domanda a riguardo. Foxconn avrà il suo bel da fare se davvero produrrà un dispositivo a livello dell’iPad Mini senza il prezzo dell’iPad Mini.

Nokia dice che non concederà in licenza il proprio marchio a chiunque, Ramzi Haidamus ha detto che l’ostacolo di dare le licenze ai partner giusti è molto alto”. Anche Microsoft ha ancora alcuni diritti sul marchio Nokia: anche se non può più produrre smartphone a marchio Nokia, Microsoft può continuare a costruire feature phone utilizzando il nome di Nokia.

nokia-tablet-n1

I tablet non saranno gli unici dispositivi a portare il marchio Nokia. Come parte del suo accordo con Microsoft, a Nokia viene impedito di produrre smartphone fino al 2016. Quindi? Haidamus dice che l’azienda sta “cercando di entrare nel business delle licenze dei cellulari nel post-Microsoft”. Se il tablet N1 avrà successo allora uno smartphone sembra inevitabile, e il 2016 non è poi così lontano.

Questo segna un grande cambiamento nel mondo degli affari per Nokia e uno non trascurabile neppure per la Foxconn. Nokia sta trattando il suo marchio più o meno allo stesso modo in cui si potrebbe trattare qualsiasi altra proprietà intellettuale: come una cosa per essere concessa in licenza a terzi. Nokia può essere responsabile per l’aspetto fisico della N1, ma tutto il resto è in manno ad altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti