AppInternet

Non ci sono piani per Internet Explorer su Android e iOS

Durante il fine settimana ho scaricato il browser Chrome sul mio iPad dopo che si è presentato come download consigliato. In qualche modo ho dimenticato che Chrome è ora disponibile su iOS e sono stato contento di vedere che potevo non solo eseguire il browser, ma immediatamente avere accesso ai miei segnalibri e alla cronologia di navigazione Web da altri PC su cui lavoro. Poi mi sono chiesto se Internet Explorer avrebbe mai trovato la sua strada sull’App Store e su iTunes. Dopo tutto, Office è ora disponibile su iOS, così come lo sono altri software popolari di Microsoft. Tuttavia, non sembra che Internet Explorer su iOS sia nei piani.

A quanto pare, Microsoft gettato acqua sul fuoco la scorsa settimana durante una chat Redit Ask Me Anything (AMA). Come riportato dalla blogger di All About Microsoft Mary Jo Foley, Internet Explorer è una delle offerte della casa di Redmond che la società non consegnerà su iOS o Android. “In questo momento, siamo concentrati sulla costruzione di un grande browser mobile per Windows Phone e abbiamo fatto alcuni grandi progressi ultimamente”, ha detto Charles Morris, un membro del team della piattaforma Internet Explorer, durante la chat AMA. “Dunque, niente piani attuali per Android e iOS.

Questo è un peccato, soprattutto in considerazione del tasso di crescita di Windows Phone, anche se in realtà è sceso nell’ultimo trimestre. Sembra che Microsoft abbia ancora l’idea che il suo browser Web Internet Explorer è indissolubilmente legato a Windows. Inoltre, come notato da Forbes, il team di Internet Explorer ha riconosciuto durante la chat AMA che Microsoft ha preso in considerazione l’idea di rinominare il browser, presumibilmente per renderlo più alla moda. Questa è una idea discutibile considerando che Internet Explorer è ancora il browser più diffuso, soprattutto tra le imprese.

Quando è stato chiesto lumi su un potenziale cambio di nome, Jonathan Sampson, che lavora sulla piattaforma Internet Explorer, ha risposto: “E’stato suggerito internamente, mi ricordo una e-mail particolarmente lunga, dove numerose persone appassionatamente dibattevano trovando tante idee. Dobbiamo toglierci di dosso le percezioni negative che non riflettono più il nostro prodotto di oggi”. Alla domanda sul quando la società ha pensato di cambiare nome al browser, Sampson ha risposto: “La discussione è molto recente, poche settimane fa, chissà cosa riserverà il futuro”.

Cambiare il nome, naturalmente, non farà molto per aiutare la reputazione del browser che è noto per gli stessi problemi che ha avuto in passato – vale a dire falle di sicurezza e privacy.

Se qualcosa ha una pessima reputazione, a volte il rebranding è l’unica vis possibile, ma come dice un vecchio proverbio, “una rosa è sempre una rosa …” Nonostante il fatto che non sia più il browser dominante, Internet Explorer ha ancora la più ampia quota di mercato, secondo Net Applications. Anche se la sua quota continua a calare incrementalmente, Internet Explorer è un browser noto e non solo per i suoi difetti. Le persone che non utilizzano prodotti Microsoft, in particolare quelli che preferiscono le offerte di Apple o lo stack LAMP, non saranno scosse da un nuovo nome per qualcosa che esce da Microsoft. Basta produrre un browser che ha meno difetti e caratteristiche avanzate e sarà popolare, comunque si chiami.

Indipendentemente dal nome, sarebbe stata una buona mossa renderlo disponibile su iOS e Android per contrastare il calo globale su una piattaforma che è ancora ampiamente utilizzata? O lo faciliterebbe? Forse la società vede Internet Explorer come un prodotto critico, e punta a trattenere il franchise su Windows. Se questo è il caso, la società potrebbe aspettare. Nel frattempo, non vedo l’ora di usare il browser Chrome sul mio iPad e continuerò ad usare Internet Explorer solo su Windows.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti