Musica

Numeri controversi di Apple Music: Perché tutti hanno ragione

Apple Music ha già perso il 48% dei suoi utenti di prova, secondo i dati diffusi questa settimana da un sondaggio su 5.000 utenti statunitensi. MusicWatch ha rilevato che il 48% degli utenti iOS che hanno provato Apple Music dicono che non stanno utilizzando il servizio. Ciò suggerirebbe che milioni di persone non sottoscriveranno l’abbonamento a pagamento quando il periodo di prova terminerà.

Apple ha rapidamente respinto le scoperte di MusicWatch. In una dichiarazione fornita a The Verge, Apple ha affermato che il 79% delle persone iscritte ad Apple Music stanno ancora utilizzando il servizio.

Entrambe le parti potrebbero avere ragione. Ecco perché. MusicWatch considera solo i consumatori degli Stati Uniti, mentre i dati di Apple coprono tutti i 100 paesi in cui Apple Music è disponibile. La dichiarazione originale data a The Verge non era specifica, ma un portavoce di Apple ha detto a Billboard che i dati sono globali.

apple-music-numeri-informatblog

Una spiegazione potrebbe essere che gli utenti statunitensi sono già passati a un altro servizio di streaming. Secondo MusicWatch soltanto “molto pochi” utenti di Apple Music dicono che il servizio li ha fatti smettere di usare altri servizi di streaming. E’ del tutto plausibile che alcuni utenti di Apple Music siano intrusi curiosi che vogliono registrarsi per una prova gratuita per sperimentare un nuovo servizio. Infatti, MusicWatch dice che il 28% dei clienti di Spotify Premium usa anche Apple Music (e l’11% degli utenti della versione gratuita di Spotify).

Apple Music potrebbe essere semplicemente più utilizzato fuori degli Stati Uniti, magari in altri paesi gli utenti non possono godere di altre opzioni di musica in streaming. Inoltre, i servizi in abbonamento sono relativamente nuovi in molti mercati. Apple Music è arrivato negli Stati Uniti quattro anni dopo Spotify ma i concorrenti probabilmente hanno meno consapevolezza di questo marchio in molti altri mercati.

Dunque, quante persone hanno utilizzato Apple Music? Quante rimarranno al servizio a pagamento? MusicWatch fornisce alcune idee: dice che l’11% degli utenti iOS negli Stati Uniti, o circa 8,6 milioni di persone, attualmente stanno utilizzando Apple Music. Ma Russ Crupnick di MusicWatch sottolinea che la gente condivide gli account dei servizi di streaming ad un tasso di 1.2 o 1.4 (che è il numero medio di utenti veri e propri per ogni account). Questo significa che ci sono meno titolari di account di streaming che utenti del servizio. Un tasso di 1,4 corrisponde a circa 6,2 milioni di utenti di Apple Music.

Continuando i calcoli, MusicWatch dice anche che il 52% di tutti gli utenti di Apple Music sta attualmente utilizzando il servizio. Anche in questo caso utilizzando un tasso di 1,4 significa che ci sono circa 11,8 milioni di persone negli Stati Uniti che hanno usato Apple Music.

Ora confrontate i numeri di MusicWatch con l’unico dato che Apple ha rilasciato per Apple Music sugli utenti registrati: 11 milioni, dato comunicato il 6 agosto. Per cominciare, i dati di Apple coprono tutti i mercati, non solo gli Stati Uniti ed è possibile che milioni di utenti iOS abbiano provato Apple Music senza registrazione, forse per ascoltare Beats 1 o semplicemente per curiosità.

La domanda scottante è quanti utenti Apple Music rimarranno attivi alla fine della loro prova di tre mesi. Il sondaggio di MusicWatch ha rilevato che il 61% ha cancellato l’opzione di rinnovo automatico, ma il 64% degli utenti attuali dice che molto probabilmente sottoscriveranno l’abbonamento.

Sulla base dei numeri di cui sopra, significherebbe che 3,9 milioni degli attuali utenti di Apple Music diventerà abbonato quando la prova gratuita terminerà. (Il numero globale sarebbe naturalmente più elevato). Se ciò accadesse, Apple Music potrebbe rapidamente diventare uno tra i tre servizi di musica in streaming in abbonamento più popolari (dietro Spotify e Deezer) e potrebbe raggiungere in breve tempo la posizione numero due. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti