Hardware

I nuovi chip ARM triplicheranno la potenza del vostro smartphone

ARM costituisce il fulcro di quasi tutti gli smartphone in commercio concedendo in licenza la sua architettura di processori ai produttori. E oggi in un evento a San Francisco, la società britannica ha annunciato la sua prossima generazione di progetti ed ha dato un senso a come saranno gli smartphone nel 2016.

I nuovi progetti, chiamati processore Cortex-A72, aumenteranno le prestazioni negli smartphone di 3,5 volte rispetto ai dispositivi del 2014 basati sul processore Cortex-A15. L’azienda sostiene inoltre che può raggiungere le prestazioni dei telefoni attuali usando il 75% in meno di energia.

ARM si aspetta che la nuova architettura sarà disponibile sui telefoni nel 2016, ma forse anche nel 2015: i produttori di processori hanno già le specifiche di progettazione, stanno solo cercando di capire cosa ci si può fare. La società ha detto che oltre dieci partner hanno concesso in licenza i progetti finora, e solo produttori asiatici come Hisilicon, MediaTek e Rockchip sono stati menzionati.

chip-arm-smartphone-informatblog

Oltre al nuovo processore, ARM ha anche annunciato una serie di nuove tecnologie. L’azienda rilascerà il suo nuovo processore grafico Mali per portare la grafica della console per videogiochi sui telefoni e rilascerà il livello del telefono che collega i sistemi del dispositivo insieme.

Ma i telefoni hanno davvero bisogno di diventare più potenti? All’evento erano presenti rappresentanti di varie industrie che sarebbero interessate ad utilizzare la nuova architettura. Oculus, per esempio, era lì per discutere di come le nuove tecnologie smartphone come il processore Cortex-A72 potrebbero essere usate per avere un’esperienza di realtà virtuale quando il telefono sarà in grado di elaborare la grafica. In questo momento è necessario collegare gli occhiali Oculus al computer per ottenere le prestazioni necessarie per l’esperienza di realtà virtuale messa a punto della società.

“Siamo molto felici di vedere che le aziende realizzano grafica all’avanguardia e CPU dei telefoni che funzionano sorprendentemente bene con la realtà virtuale”, ha detto Anuj Gosalia, direttore dello sviluppo per il software mobile e PC di Oculus. “Questo ci si avvicina alla visione che abbiamo in mente: un’esperienza di realtà virtuale perfetta”.

Anche il riconoscimento vocale sarà in grado di essere reso a livello locale, con i miracoli nei calcoli del processore A72. Attualmente, per ottenere una potenza sufficiente per un elaboratore vocale, l’informazione deve essere inviata al cloud e viceversa. Ciò richiede che il telefono abbia sempre una connessione dati. Con l’elaborazione locale, si potrebbe restare offline e parlare con il telefono.

Tutto questo è parte della tendenza evidente che gli smartphone stanno diventando sempre più potenti. Il processore A72 rappresenta un aumento di potenza di elaborazione di 50 volte rispetto a solo cinque anni fa. Tutto questo indica che il telefono sta diventando sempre più il nostro dispositivo di elaborazione principale e potrà sostituire il PC. ARM continuerà a svolgere un ruolo importante in gran parte di questa tecnologia: si possono trovare componenti ARM in oltre il 95% di tutti gli smartphone.

“Abbiamo visto i telefoni cambiare molto nel corso degli anni e la gente ci chiede se il cambiamento si fermerà”, ha detto Ian Ferguson, vice presidente del marketing di ARM durante l’evento. “La rivoluzione informatica non si ferma con l’attuale generazione o la prossima, ma è continua a causa della domanda dei consumatori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti