Caricamento in corso...
Gossip e frivolezze

Il padre che confisca l’iPhone alla figlia per la corte “non è un ladro”

Si scopre che la tecnologia non ha reso l’essere genitori ai tempi d’oggi meno complicato: una ex coppia lo ha scoperto quando un iPhone confiscato li ha portati dritti in tribunale. Ronald Jackson, un padre 36enne di Dallas, ha sequestrato l’iPhone 4S di sua figlia come punizione per aver inviato un messaggio di testo offensivo relativo alla sua nuova famiglia.

Nel voler insegnare alla ragazza una lezione, Jackson ha rifiutato di renderle lo smartphone quando è tornata a casa di mamma Michelle Steppe dopo il weekend. Non riuscendo a convincerlo a restituirle l’iPhone dopo diversi mesi, Steppe ha fatto arrestare il suo ex compagno accusandolo di furto di proprietà, sostenendo che il suo diritto di confiscare il dispositivo si è concluso quando la ragazza ha lasciato la sua custodia.

sequestro-iphone-padre-ragazza-informatblog

Il caso è andato in tribunale, ma il presidente l’ha rifiutato dopo un’udienza di due giorni, stabilendo che non vi erano prove sufficienti per condannare Jackson di furto, riporta il Washington Post.

Il rapporto di Jackson con la figlia è detto essere a brandelli dopo la debacle, e l’uomo ha in programma di presentare una mozione alla corte federale per i diritti civili per la questione del suo arresto.

Che problema. Sappiamo tutti che essere genitori è difficile a seguito di una separazione, ma gettare anche un iPhone 4S nel mix sembra la ricetta giusta per il caos più totale. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Loading...
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti