AppleGoogle

Partnership Google Apple? Per Wozniak è possibile

Si potrebbe immaginare un mondo in cui ci sia una partnership Google Apple per lo sviluppo di nuove tecnologie? Decisamente no, visti i due mondi totalmente opposti delle due aziende. Ma non tutti la pensano così: è il caso di Steve Wazniak, co-fondatore di Apple, che immagina un futuro con una possibile collaborazione.

partnership google apple

Durante un’intervista rilasciata alla BBC, Wozniak ha detto “Spero in Dio che nel futuro ci sia una partnership Google Apple”. Il co-fondatore di Apple ha poi rivelato che è rimasto esterrefatto dalla potenza del motore di ricerca di Google e dal riconoscimento vocale che esso ha, specialmente se paragonato a Siri. Wozniak poi prosegue con un altro esempio: A volte chiedo al mio iPhone: ‘Vai da Joe Diner’ e [Siri] risponde che non sa dove sia Joe Diner. E molto spesso di solito scopro che chiedendolo ad un dispositivo Android, mi ci porta senza alcun problema.

Steve Wozniak

Wozniak ammette di non conoscere molto sui rapporti business che potrebbero impedire una futura partnership Google Apple, ma fa capire che una società delle due ha bisogno di fare soldi vendendo esclusivamente propri prodotti. Penso che abbiate immaginata quale sia. Anche se lui crede fermamente che una partnership Google Apple potrebbe produrre miglioramenti nella tecnologia indossabile, come smartwatches o occhiali AR. “Per circa tre o quattro anni ho parlato di display a LED organici che potrebbero essere teoricamente stampati su plastica, avvolti e piegati” continua Wozniak.  “Essi poi potrebbero essere inseriti all’interno del braccio. Quando poi il braccio viene disteso, il display si potrebbe aprire fino alla mano. Io vorrei una piena compatibilità tra questi display ed il mio smartphone”.

apple-vs-samsung

Tornando poi a parlare di una partnership tra diverse aziende, Wozniak apre le porte pure a Samsung, che è l’eterna rivale di Apple. Infatti secondo Wozniak molti brevetti in possesso di Samsung potrebbero essere utilizzati negli iPhone, e allo stesso modo viceversa. Wozniak ipotizza una sorta di condivisione dei brevetti per far si che la tecnologia migliori in maniera più rapida. Ma anche lui in fondo sa che questa è una cosa difficilissima da realizzare, in quanto gli interessi economici delle rispettive aziende vietano il rilascio dei brevetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti