Hardware

Guerra dei processori: Intel compra Altera e Samsung AMD?

Le voci sono volate veloci venerdì su possibili acquisizioni nel settore dei processori, con Intel e Samsung pronte per acquisti che potrebbero rafforzare le loro posizioni contro i rivali. Intel sta pensando di inghiottire Altera, in quella che potrebbe diventare la più grande acquisizione nella sua storia.

E se questo non fosse abbastanza, i pettegolezzi dall’Asia dicono che Samsung sta pensando ad acquisire AMD, con in mente di andare testa a testa con Intel stessa.

intel-amd-informatblog

Intera?

Cominciamo con la più plausibile delle due. Le fonti non hanno detto quando Intel potrebbe acquistare Altera o quanto è disposta a spendere, ma un accordo potrebbe essere più vicino di quanto pensiamo. Avrebbe anche senso perchè Intel e Altera hanno un rapporto stretto da qualche tempo.

Altera crea principalmente chip FPGA (field-programmable gate array), circuiti integrati che possono essere riconfigurati post-produzione per eseguire una serie di compiti – e produce i suoi chip nelle fonderie di Intel dal 2013.

Più significativamente, Intel ha di recente iniziato a inserire la tecnologia FPGA sulla suoi processori server Xeon per l’uso come coprocessori personalizzati. I clienti possono programmare chip aggiuntivi per agire come un acceleratore per la crittografia, la ricerca, o compressione e decompressione, tanto per fare alcuni esempi.

Intel non ha detto chi crea i FPGA dei suoi Xeon, ma Altera sarebbe una scommessa sicura (gli altri contendenti principali sono Xilinx e Achronix, l’ultima delle quali utilizza anch’essa le fabbriche di Intel).

Altera ha una capitalizzazione di mercato di circa 10,5 miliardi di dollari prima delle voci di venerdì, per dare un’idea di quello che Intel potrebbe dover pagare. Ma è meglio muoversi velocemente; gli investitori sono solleticati all’idea di una fusione e le azioni di Altera sono salite del 28% in seguito alle voci. In modo simile, il prezzo delle azioni di Intel sono salite di oltre il 6%.

SAMDsung?

Da un lato ancora più speculativo, è emerso un rapporto sui media sudcoreani lo scorso venerdì secondo il quale Samsung sta pensando alla prospettiva di acquisire AMD.

Quante probabilità ci sono? L’argomento più evidente in favore di un tale accordo è che AMD è in pessima forma. Ha registrato perdite nette per gli ultimi tre esercizi, e le entrate dell’ultimo trimestre sono scese del 22% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente.

Ci sono anche alcune sinergie tra le due aziende. Le fonderie di Samsung potrebbero certamente essere utili per la cottura del silicio di AMD. AMD ha inoltre recentemente abbandonato i processori x86 per lavorare su chip basati su ARM per i server, e Samsung ha diversa esperienza nello sviluppo di chip ARM.

Ma la verità è che può non essere sufficiente per AMD per invogliare Samsung. L’azienda coreana non ha fatto molte voci su x86 o chip per server finora, e sembra contenta della licenza GPU da ARM e Imagination Technologies per i suoi Exynos: dunque la linea grafica di AMD probabilmente non è di grande interesse.

Sembra inoltre dubbioso che il CEO di AMD Lisa Su possa essere pronta a scaricare la società così presto. E c’è un’altra voce che rimbalza da un paio di settimane, che il produttore di processori cinese BLX sta cercando di acquistare AMD, che è apparentemente svanita nel nulla.

Gli investitori in questo caso non sembrano molto convinti dell’acquisizione di Samsung, e il prezzo delle azioni di AMD è cresciuto di un mero 2,6%. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti