SkypeSoftware

Project Chess il programma che ci spia su Skype secondo Snowden

windows-skypeSe pensate che sia il titolo di un film di prossima produzione vi sbagliate di grosso, Project Chess è l’esempio di come siamo inconsciamente controllati e monitorati durante le nostre ingenue chiacchierate via Skype e ad affermarlo è il ricercato più famoso del mondo informatico e cioè Edward Snowden. La notizia è destinata ad aprire un’accesa discussione sul web e non solo. Ma procediamo per ordine cercando di assemblare i pezzi di un puzzle che sembra molto più complesso e non di facile risoluzione. Nel 2012, precisamente a maggio, Microsoft,che da poco era entrata in possesso di Skype, decide di modificare strutturalmente la piattaforma di Skype sostituendo i vecchi nodi P2P con Linux, per noi poveri ed ignari utenti questa modifica non ha apportato nessun miglioramento nel software che usiamo quasi ogni giorno, ma all’insaputa di tutti viene introdotto il programma “Project Chess” che permetta alla NSA di controllare ed intercettare persone ad alto rischio criminale, tutto questo ce lo rivela la primula rossa del web ovvero Edward Snowden, scatenando l’indignazione delle maggiori aziende chiamate in causa.  Ad essere messa sotto la lente d’ingrandimento è Voip in particolare, questa piattaforma è la più usata degli utenti perché offre un servizio nettamente migliore e stabile rispetto ad altri e proprio grazie alla sua stabilità e affidabilità sembra essere quello più facilmente monitorato. Già dall’anno scorso girava voce che Microsoft fornisse informazioni sui propri utenti, l’azienda ha risposto tramite Mark Gillett, vice presidente della divisione Microsoft Skype, negando con vigore e sostenendo con forza che fornire informazioni sensibili dei propri utenti va contro la filosofia di Skype. Attualmente stiamo assistendo ad un continuo accusare e negare, non abbiamo nessun dato di fatto se non le illazioni di una persona che attualmente non è reperibile, anche se fosse in parte vero questi programmi che vigilano sulla sicurezza sul web sono da considerare come un valido strumento per chi vuole proteggerci da pericoli che mettono in serio pericolo l’incolumità la popolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti