Hardware

Razer Project Christine: il prototipo di un PC modulare

Secondo voi i computer del futuro saranno così? Dei semplici moduli da poter aggiungere all’anima centrale rappresentata dalla scheda madre? Razer la pensa così ed è per questo che al CES di Las Vegas ha presentato il Razer Project Christine, ovvero il progetto di un PC modulare.

razer project christine

Tante varietà di configurazioni e raffreddamento perfetto

La semplicità nell’aggiornare il nostro computer sarebbe estrema in quanto non ci sarebbe bisogno neanche di aprire il case. Basterebbe aggiungere un modulo contenente la nostra espansione desiderata (CPU, GPU, SSD, Hard Disk, RAM) ed il gioco sarebbe fatto. Inoltre su Razer Project Christine è completamente fanless, ovvero non vi è alcuna ventola di raffreddamento, in quanto il tutto è raffreddato a liquido. Il sistema è dotato di un meccanismo che spinge il liquido in tutte le parti e in tutti i moduli del PC. Nel caso decidessimo di rimuovere un modulo, le paratie in quel determinato settore si chiuderebbero automaticamente. Al contrario, se aggiungiamo un modulo, tali paratie si apriranno automaticamente consentendo al liquido di passare.

Razer Project Christine non sarà un computer per tutti

Come abbiamo detto prima, per il momento il Razer Project Christine non è altro che un prototipo presentato al CES in quanto la società è in cerca di feedback e opinioni di potenziali clienti prima di portare il prodotto sul mercato, cosa che non avverrà prima di un paio di anni. Chiaramente un computer del genere non avrà un prezzo alla portata di tutti in quanto sarà sicuramente dotato di un hardware importante e poi le possibili espansioni devono sempre essere acquistate da Razer. Si spera che l’azienda apra le porte anche a produttori di terze parti per quanto riguarda le espansioni, così da far calare leggermente il prezzo di vendita finale.

VIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti