Altri tabletRecensioni

La recensione del nuovo tablet Nexus 9

Il Nexus 9 è il nuovo tablet di Google, il primo a venir fuori con Android 5.0 Lollipop e il primo della linea Nexus ad utilizzare uno schermo 4:3 piuttosto che uno schermo widescreen. Ecco una delle prime recensioni del Nexus 9, originariamente comparsa su Trusted Review

Le persone che sperano in un tablet con cui sostituire il Nexus 7 possono rimanere un po’deluse per il prezzo, però. A 399 euro non è l’affare di mercato per definizione che prima erano i Nexus. Dati alcuni piccoli problemi qua e là, non è un dispositivo completo o coerente come l’iPad Air 2. C’è una piccola scintilla mancante di magia il che significa che probabilmente non passerà alla storia come un classico di tutti i tempi.

google-nexus-9-informatblog

Tuttavia, ciò che è lodevole è la direzione intrapresa. I tablet non widescreen da 8 pollici come questo non saranno più stranezze di terze parti ‘non canoniche’, e ciò è una cosa molto buona. Non pensiamo che ci vorranno 18 mesi affinchè il Nexus 9 venga superato in valore, e il Samsung Galaxy Tab S 8.4 è già un’alternativa abbastanza interessante. Ma per un dispositivo più grande, il Nexus 9 offre un solido standard.

Nexus 9: Design

I Nexus 9 si espone a critiche. Il suo stile e la sua forma sono piuttosto simili all’iPad Air 2, una partenza per la serie Nexus. Questa è di per sé una buona mossa: tablet più grandi sembrano molto più naturali quando adottano un aspetto meno widescreen: sia il Nexus 7 che il Nexus 10 hanno un rapporto di dimensioni di 16:10, mentre il Nexus 9 è 4:3.

Tuttavia, il Nexus 9 non offre una qualità costruttiva impressionante come un iPad, e quando le somiglianze di design sono così chiare è difficile non confrontare direttamente i due, nonostante le loro piattaforme differenti. Si può richiamare la differenza di prezzo (100 euro in più per l’iPad Air 2), ma occorre considerare anche che costa l’ancora ottimo iPad Air di prima generazione ora costa come il Nexus 9.

Molto simile al Nexus 7, il Nexus 9 utilizza una cover posteriore in plastica, saldamente legata ad un telaio metallico che gira intorno al tablet. Si tratta di un design abbastanza innocuo, e nonostante l’uso di un rivestimento strutturato soft-touch molto mite, sembra ancora vistosamente plasticoso.

Siamo anche leggermente delusi con alcuni degli elementi della finitura, dato il costo più elevato di questo tablet confrontato al Nexus 7. La parte posteriore, di plastica, si flette in alcuni punti, producendo anche un rumorino leggermente sconcertante verso la parte superiore del dispositivo, e c’è una durezza del telaio metallico in quanto sporge sempre leggermente sopra il vetro dello schermo.

nexus-9-informatblog

I tasti del volume sembrano un po’a buon mercato, l’azione è un po’ approssimativa anche se sono in metallo. Forse la relativa inesperienza di HTC può essere colpevole: fino al Nexus 9 non aveva rilasciato un tablet dal 2011, quando produsse l’HTC Flyer.

Anche se non abbiamo nessuna preoccupazione particolare sulla longevità del Nexus 9 – non è fatto male, soltanto poco ben rifinito – sembra qualcosa come un concorrente medio invece di essere destinato a essere il fiore all’occhiello dei tablet Android puri. Vedremo altri elementi che soffrono di questo tipo di problema in seguito.

Non è solo l’iPad Air il rivale del Nexus 9. Il Nexus 9 è spesso 7,9 mm e pesante 425g (versione Wi-Fi), ben più pesante rispetto ai 294g e ai 6,6 mm di spessore del Samsung Galaxy Tab S 8.4 – il Samsung è più piccolo, ma comunque ha una buona dimensione. Il Nexus 9 non è senza dubbio in testa al gruppo come in realtà dovrebbe essere.

Tuttavia, gettando via i confronti e utilizzando il Nexus 9 nella vita reale l’impressione è piuttosto buona. L’aspetto non-widescreen lo rende grande, c’è abbastanza spazio laterale per appoggiare il pollice ed è molto comodo da usare, soprattutto con entrambe le mani o da seduti. Come l’iPad Air 2, che ha un peso simile, è possibile utilizzarlo con una sola mano per un po’ senza disagio, ma è lontano dalla leggerezza dell’8,4 pollici Samsung o degli iPad Mini.

Proprio come il Nexus 7, il Nexus 9 dispone di uno slot per schede microSD. Ci sono versioni da 16GB e 32GB del tablet, con un divario un po’deludente (80 euro) tra i due. E’ persino più di quanto fa pagare Apple: il salto da 16BG a 64BG costa 100 euro. Chi avrebbe mai pensato che Google avrebbe fatto pagare più degli aggiornamenti notoriamente costosi di Apple?

Facciamo un passo indietro un minuto, e vediamo i fattori dietro al fallimento del Nexus 9 nell’offrire il pacchetto standard del mercato che cerchiamo. Non offre valore o design ai vertici della categoria, e non ha tutte le caratteristiche geek-friendly che possano scusare questi due punti.

Anche le specifiche hardware sono relativamente semplici. Non c’è un trasmettitore IR, ad esempio – qualcosa che si trova sul Galaxy Tab S 8.4. Se questo suona terribilmente negativo, è necessario comprendere il contesto del peso delle aspettative del Nexus 9. Non è solo destinata ad essere ‘un’ tablet Android, è destinato ad essere ‘il’ tablet Android.

Finora: buono, ma non eccezionale.

Google offre anche un case tastiera folio per dare l’idea di una tastiera solida, anche se digitandoci sopra si può stare un po’stretti. Non è economica a 130 euro, ma fa lievitare le potenzialità del tablet come strumento di produttività portatile.

Nexus 9: qualità dello schermo

Il Nexus 9 ha uno schermo da 8.9 pollici. Un bel po’più piccolo dell’iPad Air a 9,7 pollici, ma ancora molto, molto più grande del Nexus 7. Ciò che è importante da notare qui è la forma dello schermo. L’aspetto 4:3 non è così ottimo per film widescreen, ma lo è per quasi tutto il resto: navigazione, giochi e un gran numero di app si sentono più a casa loro su questo display.

A differenza di un iPad, saranno relativamente poche le applicazioni Android con questa forma dello schermo, ma la maggior parte sono create con in mente una gran versatilità: devono soddisfare schermi da 3 a 23 pollici, o anche di più quando si usano in cose come Amazon Fire TV.

Ci piace la forma, e mentre la portabilità del Samsung Galaxy Tab S 8.4 è a portata di mano, i commenti in giro per la rete vedono ottimi consensi allo stile dello schermo del Nexus 9. Pollice in su per lo stile dello schermo, ma come va in quanto a tecnologia? Il Nexus 9 ha una risoluzione 2.048 x 1.536 dello schermo LCD IPS da 8.9 pollici. Questa è la stessa risoluzione dell’iPad Air 2 in uno spazio più piccolo, ottenendo una densità di pixel di 281ppi.

nexus-9-informatblog-2

Ce n’è abbastanza per essere sicuri di ottenere belle immagini testo nitido. Gli amanti dei pixel saranno in grado di vedere un pochino di scalettature giusto da vicino, ma se questo è un problema prendetevi il Galaxy Tab S 8.4 a più alta risoluzione o un iPad Mini 3. O, più precisamente, mettete le vostre priorità in ordine. Ci sono problemi con lo schermo del Nexus 9, ma la mancanza di risoluzione non è certo uno di essi.

La prima cosa che potrebbe far preoccupare è il livello del nero. E’decente, ma solo per uno schermo LCD. Questo non sarebbe stato un problema fino a poco tempo fa, ma i tablet Samsung Tab S offrono prezzi ragionevoli, schermi AMOLED di alta qualità che consentono di vedere colori follemente saturi che usati come parte del pacchetto OLED. Questi schermi offrono contrasto molto maggiore. Pensiamo che vale la pena preoccuparsi solo se avete intenzione di guardare i film sul tablet con la luminosità al minimo.

Qualsiasi mancanza di contrasto o limite al livello del nero è un sintomo di uno schermo LCD IPS, non un particolare difetto del Nexus 9, ma IPS è dotato anche di vantaggi: i colori sono eccellenti – vivaci senza essere radioattivi (come lo sono i Samsung Tab S con alcune impostazioni di visualizzazione) e gli angoli di visione sono buoni.

Ci sono alcuni segni che fanno pensare che non si tratti di un vero e proprio schermo di alto livello, però. In primo luogo c’è una perdita di retroilluminazione abbastanza significativa nella parte superiore dello schermo. Questo è fondamentalmente dove si può vedere l’effetto dei LED di retroilluminazione, che rendono il bordo dello schermo notevolmente più luminoso rispetto al resto del display. Si tratta di un evento abbastanza comune, ma siamo delusi di vederlo così chiaramente in un tablet di questo livello.

Il Nexus 9 soffre anche di un po’di problemi di retroilluminazione: alcune parti dello schermo sono illuminate un po’più di altre, un’altra forma di perdita di retroilluminazione. E’ molto minore, però, ed è improbabile che venga notata a meno che a forza di guardare schermi grigi scuri abbiate – come noi – acquisito un certo grado di irritante pedanteria tecnologica.

Nonostante i suoi problemi, lo schermo del Nexus 9 è certamente uno sul quale guarderemmo volentieri un film su di esso. Basta fare in modo che le carenze di retroilluminazione non vi diano troppo sui nervi.

Nexus 9: Altoparlanti

Gli altoparlanti stereo anteriori sono una scelta ovvia per i film. Per chi conosce HTC, portano lo stesso marchio BoomSound dei diffusori dell’HTC One M8. Questi altoparlanti siedono all’estremità del Nexus 9, dove il coperchio dello schermo incontra la banda di metallo attorno al perimetro del tablet.

Inizialmente eravamo preoccupati che questi diffusori potessero essere un po’facili da bloccare tenendo il tablet, ma sono praticamente immuni a questo problema in realtà. Una progettazione interna intelligente significa che è necessario bloccare l’intera porta degli altoparlanti per produrre un qualsiasi effetto negativo sul suono, cosa che non si può dire per gli altoparlanti di un iPad. Un audio stereo è una grande vittoria per un tablet, ed è ovviamente ottimo per giochi e film.

E’solo un peccato, però, che la qualità del suono non sia così in target. Il Nexus 9 cerca disperatamente di offrire di più rispetto alla media del suono, ma in realtà non ha l’hardware per farlo in grande stile. Come rivelato nel teardown Nexus 9 di iFixit, il tablet ha unità driver abbastanza piccole, e si può sentire questo effetto. L’uscita del tablet è soggetta a compressione ed equalizzazione piuttosto estreme per portare tanta potenza a diffusori così piccoli, ma ciò si traduce in suono piuttosto forzato che non è particolarmente piacevole da ascoltare.

E’ migliore rispetto alla norma dei tablet, e ciò è buono. Tuttavia, non possiamo fare a meno di pensare che HTC avrebbe potuto fare meglio. E’senza dubbio un sintomo di mettere il tablet in una cavità così piccola, e potenzialmente anche un problema di costi. Ci sono altoparlanti di tablet molto peggiori, ma il Nexus 9 è surclassato dall’iPad Air 2, che offre volume più alto e suono meno elaborato.

La qualità audio attraverso altoparlanti e cuffie senza fili è molto migliore. Il Nexus 9 supporta aptX per lo streaming wireless di qualità superiore e l’uscita dal jack delle cuffie è eccellente.

Nexus 9: Android 5.0 Lollipop

Non importa quanti paragoni sfavorevoli si possano fare con altri dispositivi Android e Apple, ma non si può togliere che il Nexus 9 è il primo tablet ad uscire con Android 5.0 Lollipop. Si tratta di un aggiornamento importante, porta un look tutto nuovo e diverse caratteristiche migliorate. Tuttavia, chiunque abbia utilizzato un dispositivo Android in questi ultimi anni lo troverà terribilmente familiare, e una buona dose di caratteristiche aggiunte sono state già viste in alcune interfacce Android personalizzate.

Trattandosi di una versione di Google, però, tutto nel Nexus 9 viene eseguito con un po’più di classe e di coesione che queste interfacce Android personalizzate in generale non hanno. Sembra anche voler aggiungere un po’di consistenza e profondità ad Android. Le texture provengono in gran parte da due (piuttosto belli) sfondi di default, ma c’è anche una sezione un po’più approfondita dell’interfaccia. La maggior parte è questione di estetica – ci sono animazioni qui, alcune ombre un po’più chiare là – ma funziona. Google chiama questo nuovo look Material Design.

Esso comporta anche una combinazione di colori ottimizzata. Ai colori vivaci è stata data un’inflessione pastello che fornisce all’intero sistema uno stile un po’ più friendly. Il look di Android KitKat 4.4 era audace e un po’cartoonesco, mentre il nuovo look rende Android 5.0 più facile da accettare per coloro che potrebbero ancora considerare Android un po’geek accanto ai dispositivi iOS di Apple.

Ma che cosa c’è in realtà di nuovo e, beh, utile? Ci sono un sacco di modifiche, ma la maggior parte sono cose già viste prima. Ad esempio, è ora possibile controllare le notifiche molto facilmente nella schermata di blocco, e c’è un accesso più facile alle funzioni nel menu delle notifiche. È sufficiente strisciare in giù dalla schermata delle notifiche per accedervi. E’un grande miglioramento per i dispositivi Android ma non è una novità, in termini più generali.

Anche il supporto cross-device è stato migliorato. È possibile riprendere il lavoro tra, diciamo, un telefono a 5 pollici e un tablet Android, anche se questo, naturalmente, si applica solo alle applicazioni che hanno questo supporto integrato. Senza una intera fascia di dispositivi Android Lollipop disponibile, occorre ancora aspettare e vedere che cosa questo comporterà veramente.

Altri elementi importanti di Android Lollipop sono presenti sotto la superficie, e sono cose che la maggior parte delle persone non ha bisogno di prendere in considerazione. Ad esempio, questa la prima versione di Android che offre un supporto nativo per le CPU a 64-bit, come il Nvidia Tegra K1 del Nexus 9. Vede anche l’aggiornamento Android al runtime ART rispetto al Dalvik, una misura volta a velocizzare le prestazioni complessive a costo di un po’di spazio di archiviazione. Attualmente, tuttavia, la differenza non è molto evidente.

Nexus 9: Prestazioni

Il problema è che per tutta la sua potenza e il suo software a bordo, le prestazioni del Nexus 9 non sono impeccabili. A volte, elementi che dovrebbero scorrere senza intoppi mostrano un po’di sfarfallio e i tempi di caricamento delle app sono spesso un po’ di più lunghi di quanto ci piacerebbe su questo nuovo e importante di hardware. Ci sono esperienze di alcuni difetti troppo stridenti.

Nonostante tutte le promesse pre-release di Android 5.0 Lollipop, esso non ha l’immediatezza di iOS 8 su un iPad di ultima generazione. Eppure siamo disposti a passare sopra queste piccole sbavature essendo Lollipop nuovo di zecca e alcuni aggiornamenti potranno portarlo alla piena velocità. Ciò è confermato dal fatto che non abbiamo avuto questi problemi sul Tablet Nvidia Shield che ha caratteristiche hardware simili.

Il Nexus 9 utilizza la CPU Nvidia Tegra K1, una CPU dual-core. Le prestazioni di uno solo di questi core non è lontana da tutte le funzionalità dei telefoni di punta del 2013 come il Samsung Galaxy S4 o l’HTC One. E’molto potente. Questa è la seconda versione del K1, con un’architettura più avanzata rispetto alla versione base A15 utilizzato nel Tablet Nvidia Shield.

Nel benchmark di Geekbench 3 raggiunge un punteggio totale di 3562 punti, 2038 per core. Questo è veramente un buon punteggio, supera la versione Snapdragon 805 del Galaxy Note 4. E’ meglio dell’iPad Air (dal prezzo simile) ma molto meno dell’iPad Air 2.

E’la potenza della GPU del Nexus 9 Nvidia K1 che è davvero emozionante, però. Utilizza la stessa GPU a 192-core GeForce Kepler come il Tablet Nvidia Shield, e può beneficiare di alcune delle ottimizzazioni fatte per quel modello. Nvidia ha reso anche Half-Life 2 funzionante sul tablet, anche se questo non è disponibile per il Nexus 9 al momento.

Il grosso problema qui è che usa l’architettura Kepler, la stessa utilizzata in alcune schede grafiche dedicate GeForce. È progettato per ‘giochi adeguati,’ come alcuni giocatori snob potrebbero descriverlo. Stiamo già iniziando a vedere alcuni vantaggi, come ad esempio in Dead Trigger 2, che offre effetti d’acqua più realistici che con altri dispositivi.

Tuttavia, fino a che punto andrà? Lo sviluppo di Kepler sui dispositivi mobili è stato spinto avanti da Nvidia fino ad oggi, ma lo slancio a lungo termine deve ancora essere dimostrato. Sembra probabile che finisca ad essere un minimo comune denominatore, con gli altri tablet che monteranno l’805 e i successivi chip di Qualcomm. Il futuro mostra una promessa eccitante, ma è incerto.

Nexus 9: Durata della batteria

Il Nexus 9 ha una batteria 6700mAh, più piccola dei 9000mAh del vecchio Nexus 10, ma ha anche una più piccola dimensione del display e una maggiore efficienza, ciò significa che il Nexus 9 non ha bisogno di tanta batteria come il suo antenato.

Durante la riproduzione di un video 720p MP4 con luminosità a livello medio, il Nexus 9 dura 11 ore e 25 minuti. Questo è un ottimo risultato per un tablet Android, la cui capacità di resistenza raramente raggiunge i tablet di Apple: questo non lo fa ancora, ma ci è vicino. Il tablet è dotato solo un caricabatteria 1.5A, un po’basso per un dispositivo con una grossa batteria come questo. Ci vogliono più di quattro ore per caricarlo – non è terribile, ma poteva andare un po’meglio. E’la resistenza della batteria che conta di più però, e in questo campo il Nexus 9 funziona molto bene.

Nexus 9: Macchine fotografiche

Dobbiamo tralasciare la parte migliore? No, certo che no. Le telecamere sono una sorta di punto debole del Nexus 9. Le specifiche hardware suonano perfette: ha una fotocamera posteriore da 8 megapixel con flash e una frontale da 1,6 megapixel. Per un tablet è una configurazione di fascia alta di tutto rispetto. Ma per una persona non è troppo impressionante.

L’autofocus del Nexus 9 è abbastanza correttivo, essendo relativamente lento ad agganciarsi, e con un movimento netto avanti e indietro che, nonostante sia parte di un sistema di rilevamento del contrasto, è più laborioso e ovvio del solito. La qualità delle immagini non è eccezionale: usatelo per una scena semplice in condizioni di ottima luce ed avrete un risultato decente commisurato alla risoluzione di 8 megapixel – Anche i colori vanno bene. Ma questo non è ciò che vogliamo quando pensiamo ad una buona fotocamera.

Il Nexus 9 soffre abbastanza quando c’è una forte fonte di luce anche appena fuori dalla scena, e la scarsa gamma dinamica tende a lasciarvi scatti dall’aspetto un po’noioso o slavati e sovraesposti. Purtroppo, non c’è HDR che aiuti. E com’era prevedibile, le foto in scarse condizioni di luce non sono granchè. A differenza di alcune macchine fotografiche sugli smartphone, il Nexus 9 non illumina scene scure per renderle più luminose. Se non utilizzerete il flash, vi ritroverete con foto molto scure, ma può sconvolgere l’aspetto dei vostri scatti.

Il Nexus 9 utilizza lo stesso sensore della fotocamera dell’HTC Desire 610, ma come abbiamo visto con il Nexus 5, la sua implementazione arriva con alcune modifiche. Tuttavia, per un tablet questo tipo di prestazioni è perfettamente accettabile. Google ha ridisegnato la app di fotocamera per Android 5.0 Lollipop, ma le caratteristiche di base rimangono piuttosto simili. È possibile avere modalità Panorama, Fotosfera (panorama a 360 gradi) e sfocatura con lente. Il Nexus 9 fa video fino a 1080p.

Altro da considerare?

Il Nexus 9 è disponibile nelle versioni 4G e Wi-Fi – qui abbiamo descritto la seconda. Avere internet mobile costa un extra di 120 euro, non è troppo quando Google chiede di pagare 80 euro solo per un misero 16 GB di memoria interna in più.

C’è un’altra questione hardware di cui non si parla spesso, anche. Nella spinta per far usare a tutti Chromecast, il Nexus 9 non sembra supportare MHL o SlimPort, utilizzati per trasmettere il video su HDMI tramite una porta microUSB.

Devo comprare il Nexus 9?

Il Nexus 9 è un tablet importante per Google, HTC e Android in generale. E non riesce ad uguagliare l’impatto che il Nexus 7 ha avuto nel 2012, e nel 2013 con il suo successore. Nel momento in cui Apple offre qualità-prezzo piuttosto alta con i suoi modelli precedenti, Samsung ha aumentato in modo significativo la sua presenza in campo tablet, e nuovi concorrenti come Nvidia stanno portando nuovi tablet sul mercato, il Nexus 9 in realtà non pone nessun nuovo standard. E questo è un peccato. Tuttavia, è un ottimo tablet a sé stante, soprattutto se siete disposti a perdonare le piccole lacune nel suo schermo e in altri elementi hardware.

Ma noi pensiamo che la linea Nexus abbia bisogno di una nuova voce a basso costo per ricreare la vitalità che aveva di nuovo nel 2013 con il Nexus 7. Mentre la linea Nexus forse non è mai stata destinata ad essere un modello di valore, o meglio di alto valore, un approccio low-nonsense è quello che abbiamo amato sui migliori dispositivi Nexus. Ed è qualcosa che il Nexus 9 non ha abbastanza.

Verdetto

Il Nexus 9 è un tablet potente e pratico che è divertente da usare, ma sembra un po’un punto di partenza consigliato per altri produttori rispetto ad un dispositivo che resta sulla lista dei ricercati per 18 mesi.

Pro

  • Schermo grande e nitido
  • GPU potente
  • Ottima durata della batteria

Contro

  • Non trendy come un iPad
  • Problemi nella retroilluminazione
  • Altoparlanti stereo un po’ così-così
  • Fotocamera migliorabile
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti