Gossip e frivolezzeInternet

Robot aumentano visualizzazioni e profitti nel web

Robot

Robot

Sapete qual’è il fatto più inquietante riguardo al web? che gli esseri umani sono solo uno degli ingranaggi del sistema, e di sicuro non il più vantaggioso da un punto di vista economico.
Prendiamo in considerazione il caso di un anonimo pubblicatore che ha parlato con il media trade magazine Digiday approposito del comprare grossi quantitativi di traffico robot per il sito della propria compagnia. Per robot ovviamente intendo software disegnati apposta per simulare un essere umano in giro per il web. I Bot, cosi vengono chiamati, sono relativamente semplici da creare, e adesso è facile anche semplicemente comprare i loro servizi, utili per iniziare un buon business (se siete disposti a piegare le regole del pubblishing digitale ovviamente). Anche in finanza digitale, tutto ciò ha molteplici utilizzi.
Il pubblisher infatti può pagare dai 10.000 ai 35.000 $ per il tipo di traffico più conveniente, che compagnie domiciliate al di fuori degli USA potrebbero fornire per appena 0.002$ a visita. Fatto questo ci si può praticamente girare indietro, e rivendere queste visite da 0.0025 a 0.004$ attraverso network pubblicitari in giro per il web. Questo è un modello parecchio strano di mediabusiness, ma di certo non ci vuole un genio per capire che rappresenta un’ottima opportunità di guadagno.

Anche se si fanno solamente decimi di centesimo a visita, non è troppo costoso comprare anche milioni di visite, per iniziare a far su somme considerevoli.
Facendo due conti, avendo da 5 a 17,5 milioni di visite al giorno, e vendendole per una frazione di penny si possono generare da 12.500 a 70.000 $ di profitto al giorno, Se massimizzassimo il tutto ogni giorno, comprando il più alto numero possibile di visite e vendendole al prezzo più alto sarebbe possibile fare anche 2.1 milioni di dollari al mese, senza aver creato assolutamente niente di potenzialmente visibile da un occhio umano.

“si tratta di una frode?” è la domanda che sorge spontanea. Si, ovviamente sia per il nostro senso comune, che probabilmente anche per il senso legale della questione si tratta di una frode bella e buona (i robot possono si visualizzare le pagine, ma quanti di essi alla fine comprano i beni pubblicizzati?). I provider di traffici internet non umani non ammettono di stare mandando bot a caricare pagine internet. Dichiarano che il traffico sarebbe di “identità sconosciuta“.

Questi bot, o almeno quelli più economici, ovviamente non sono irriconoscibili. Si può capire se il traffico è da individui reali o bot semplicemente osservando i dati del traffico (in altre parole scoprire questi bot non sarebbe per niente complicato); ma questo non conviene nemmeno ai proprietari dei siti, perché potrebbero danneggiare il proprio business.
Tirando le somme, al momento c’è un’ingente quantità di denari che girano facendo semplicemente vedere pagine internet a dei robot.
Una vera è propria truffa morale, oltre che penale per chi cerca di farsi valere all’interno del mondo web, concordate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti