GuideTablet Amazon

Root del Kindle Fire con SDK Android

Root del Kindle Fire

Root del Kindle Fire

Il primo Amazon Kindle Fire è stato rilasciato nell’autonno 2011 fino alle versioni HD più recenti. Nella sua prima apparizione montava la versione 2.3 di Android. Una delle maggiori limitazione è l’impossibilità di accedere all’Android Market. Come soluzione è possibile effettuare il Root del Kindle Fire.

Per effettuare il Root del Kindle Fire usufruiamo dell’exploit Burrito Root sviluppato da Justin Case. Mostriamo qui una guida a scopo informativo e istruttivo:

  1. Bisogna abilitare l’installazione di applicazioni da fonti sconosciute. Per farlo bisogna accedere alle impostazioni, andare nella sezione altro, e impostare su ON l’opzione Consenti installazione di applicazioni (Allow Installation of Application).
  2. Installare l’SDK di Android disponibile nei link a fine pagine. Aggiungere le cartelle Platform-Tool e Tools al percorso del sistema operativo per permettere un avvio più veloce degli strumenti (adb o DDMS).
  3. Procediamo modificando le impostazioni del driver USB. Accedere alla cartella [username]/.android e sul fondo del file adb_usb.ini aggiungere la seguente stringa 0x1949 (il primo carattere è uno zero).
  4. Accediamo alla cartella in cui è installato SDK. Apriamo la cartella google-usb_driver e cerchiamo il file android_winusb.inf. Modifichiamo il file poc’anzi evinto aggiungedo le righe di codice che seguono nelle sezioni Google.NTx86 Google.NTamd64;Kindle Fire
    %SingleAdbInterface% = USB_Install, USB\VID_1949&PID_0006
    %CompositeAdbInterface% = USB_Install, USB\VID_1949&PID_0006&MI_01
  5. Una volta modificati i file come indicato possiamo procedere al collegamento del dispositivo per il Root del Kindle Fire. Cercare in Windows il driver nella cartella google-usb_driver, al suo interno vi sarà il file android_winusb.inf. Se fino ad ora il processo è andato nel modo corretto, potrete visualizzare il vostro Device Manager come in figura.
  6. Per fari si che adb possa eseguire il Rooting del Kindle Fire, occorre riavviare adb. Per farlo dobbiamo aprire DDMS tramite la cartella Tools di installazione dell’SDK, selezionare Actions e fare click su Reset adb. (Se volete visualizzare le periferiche connesse occorre lanciare il comando adb devices).
  7. Ora siamo pronti per eseguire il Root del Kindle Fire. Scaricate i file elencati e inseriteli nella cartella adb.
    • BurritoRoot2
    • Su
    • Superuser(questo link potrebbe essere individuato come nocivo, consentire il download manualmente)
  8. Ricordandovi di posizionarvi nella cartella adb, lanciate i seguenti comandi:
    adb push BurritoRoot2.bin /data/local/
    adb shell chmod 777 /data/local/BurritoRoot2.bin

    adb shell /data/local/BurritoRoot2.bin
    adb root
    adb shell id
    <if uid = 0 continue, if not start over>                                 // 0″ carattere zero
    adb remount
    adb push su /system/xbin/su
    adb shell chown 0.0 /system/xbin/su                                        // “0.0” carattere zero
    adb shell chmod o6755 /system/xbin/su
    adb remount
    adb install Superuser.apk (skip this step if its already installed)

In caso di malfunzionamento della riga <if uid = 0 continue, if not start over>, riga alternativa <if id is 0 / root then continue, else start over> o eliminare le parentesi angolari.

Sarà ora disponibile sul vostro Kindle l’icona dell’applicazione Superuser  simile a quella mostrata nella figura sottostante.

Root del Kindle Fire
Root del Kindle Fire
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti