App

Ruzzle il gioco che ha conquistato il mondo della rete

RuzzleÈ presente sul web da Marzo 2012 con un’app gratuita per iOS e Android. Ruzzle conquista da alcune settimane il primo posto della classifica delle app gratuite più scaricate – in Italia e in diversi paesi del mondo – e vanta circa 11 milioni di giocatori in 128 paesi. Ruzzle, gioco-paroliere, è una sorta di scarabeo 2.0. Si gioca in 2 – ognuno con il proprio dispositivo connesso a Internet – e ogni partita è composta da tre round di 2 minuti ciascuno. Un breve arco di tempo in cui gli sfidanti devono utilizzare 16 lettere (disposte su 4 colonne da 4 righe ciascuna) per formare il maggior numero di parole di senso compiuto. Pronomi, aggettivi, verbi, addirittura articoli: tutto è concesso eccetto i nomi propri e quelli di città. Chi ottiene il punteggio più alto, dato dalla somma delle tre manche, vince.

Per giocare a Ruzzle basta registrarsi o connettersi tramite il proprio account di Facebook, trovare uno sfidante – magari accedendo ai propri contatti Social di Facebook e Twitter – oppure possono essere pescati a caso nel server dedicato a Ruzzle.

Con due soli minuti a disposizione, diverse lingue con cui è possibile creare i vocaboli, ed una piccola chat con cui poter comunicare, Ruzzle sta ormai spopolando. Ci gioca chiunque, senza limiti di età, e ovunque. Per strada, in ufficio, a casa o fermi ad un semaforo. Basta essere online e allenarsi con la mente.

Al momento esiste una versione basic, che vede la presenza di banner pubblicitari, ed una pro a pagamento (2,69€) che elimina i banner offrendo delle funzionalità aggiuntive, tra le quali la possibilità di creare delle statistiche con vere e proprie classifiche, giocare offline, affrontare sfide ininterrottamente. Ruzzle è disponibile anche in italiano.

Gli sviluppatori svedesi sostengono di lavorare ancora al progetto. L’obiettivo è infatti quello di consentire a più persone di partecipare contemporaneamente alla stessa partita.

Ruzzle è un’app disponibile non solo per iOS e Android. È infatti possibile installarla gratuitamente su Windows e Mac grazie a BlueStack, che permette di virtualizzare Android su Windows e OS X. Per maggiori informazioni su questa applicazione vi consigliamo di leggere questo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti